Ancora una leggenda su Gioia del Colle

Aprile 30, 2021 by  
Filed under Storia

Stemma di Gioia del Colle

Abbiamo già riportato alcune leggende su Gioia del Colle: quella di Bianca Lancia che al tempo di Federico II perse un gioiello, quella di una nobildonna che perse una collana, riportata, sia pure con qualche variante, da Vito Umberto Celiberti e da Leonardo D’Erasmo.

Un’altra leggenda, che come le precedenti, spiega il perché del simbolo adottato nello stemma comunale di Gioia viene riportato da narrazioni popolari, scomodando, questa volta, non personaggi risalenti al Medioevo, ma al mondo arcaico.

Con questa leggenda, oltre a giustificare la presenza della coppa nello stemma del Comune di Goia, si sarebbe data una spiegazione del toponimo Gioia, come già aveva detto l’abate Francesco Paolo Losapio, nel suo libro ‘Quadro Istorico-poetico sulle vicende di Gioia in Bari detta anche Livia’, il quale nel Canto I afferma: Canto di Giove la Cittade antica, / detta Jovia in latino, e quindi Joya …

Che si tratti di una leggenda è riscontrabile anche dal fatto che si fa riferimento a figure mitologiche del mondo greco e della produzione del vino primitivo in un’epoca in cui il nostro territorio non registrava la presenza di abitanti sedentari, che giustificassero la coltura della vite e della trasformazione del suo prodotto in vino.

Di seguito riporto una ricerca effettuata dal nostro concittadino, l’insegnante Giuseppe Montanarelli. Read more

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.