‘I tre amori di Dante’ di don Vincenzo Angelilli

Sabato 17 marzo 2018 nel salone del Circolo Unione di Gioia del Colle i proff. Vito Antonio Lozito e Francesco Giannini, in una serata dedicata a 'Dante e Gioia', hanno presentato il saggio critico ' I TRE  AMORI  DI  DANTE ', di  Vincenzo Angelilli, sacerdote, educatore, poeta, saggista. Si riporta di seguito una sintesi della […]

Print Friendly, PDF & Email

Sabato 17 marzo 2018 nel salone del Circolo Unione di Gioia del Colle i proff. Vito Antonio Lozito e Francesco Giannini, in una serata dedicata a 'Dante e Gioia', hanno presentato il saggio critico ' I TRE  AMORI  DI  DANTE ', di  Vincenzo Angelilli, sacerdote, educatore, poeta, saggista.

Si riporta di seguito una sintesi della serata.

     In occasione del 55° anniversario della morte di don Vincenzo Angelillo (in arte Angelilli) il prof Vito Antonio Lozito ha         fatto stampare a proprie         spese il saggio del sacerdote gioiese, dal titolo ‘ I tre amori di Dante’, scritto 95 anni or sono.

     Il lavoro è stato presentato sabato 17 marzo nel salone del Circolo Unione di Gioia. Il prof. Lozito, dopo il saluto del           presidente del Circolo,           dott. Leonardo Marazia, e la lettura del curriculum dei relatori, ha illustrato brevemente                   l’argomento della conversazione sul saggio di             Angelillo. Ha evidenziato il fervore culturale che tra la fine del l’800 e           l’inizio del ‘900 investe  Gioia e che ruota  intorno a don Vincenzo                 Angelillo e al Circolo culturale-musicale di Marino           Rosati. 

     Tre ragazze, tra  studentesse universitarie  e laureate, a ricordo di analoga presenza di  studenti universitari alla                  veglia  funebre per la           morte di don Angelillo, hanno  introdotto  ‘I tre amori di Dante’.

Il prof. Giannini ha illustrato i temi del saggio: Donna, arte e fede, argomenti tutti al femminile.Presenta don Vincenzo Angelillo  come  uno dei precursori degli studi danteschi, attratto soprattutto dalla ‘Commedia’, poi definita ‘Divina’ per la sua trama a sfondo religioso e perché i tre elementi, che egli definisce ‘amori’, costituiscono i cardini del pensiero poetico-umano e sociale di Dante.

     Come mai l’Angelillo parla di Amore e di Arte, lui che ha consacrato tutta la sua vita per  la fede? Non c’è da stupirsi perché tutto il creato e le creature             parlano di Dio.

     L’Angelillo prende in esame per prima la DONNA, perché è l’elemento per eccellenza che ci richiama l’amore, che dà amore con la nascita di un figlio ed         è  disposta  a dare la vita       per lui. La donna è il simbolo dell’amore terreno che accende il cuore dell’uomo per condurlo al vero amore, quello divino.                 Anche      se l’amore di Dante per Beatrice  fu il             primo ed inestinguibile  amore spirituale ed ideale e non fu confortato di un amore più umano e terreno,           nondimeno   egli amò umanamente la donna, più compiutamente di                 nessun altro. Nella Commedia Dante  incontra spesso le donne: Francesca, Pia                 dei   Tolomei, Costanza, Piccarda Donati, Beatrice, la Madonna…Contrasse il matrimonio,           anche se non ebbe una vita felice.

     Amò tanto Beatrice che alla sua morte Dante soffrì a tal punto che, a chi lo vedeva, faceva compassione, tanto da desiderare di morire. La morte della             donna amata  fa sorgere         in Dante  il desiderio di bearsi ancora al suo cospetto, nel cielo dove aveva preso dimora. Il desiderio della morte si muta in               promessa dell’eterno bene, dell’amore spirituale. In       attesa di questa pienezza dei tempi Dante nella vita terrena trova l’elemento che lo solleva dalle pene       d’amore: l’ARTE. E l’arte, propriamente, per Dante è la poesia, che è un               insieme di arti: pittura, musica, scultura. Dante era iscritto ad una delle Arti                 Maggiori, ma il suo sentimento lo portava alle arti belle, e sommamente alla poesia, che surse in           lui  primamente per onorare la divinità.

      La poesia, cioè l’Arte, per mezzo della Donna (Beatrice) lo porta alla FEDE ( a Dio): l’amore dal piano umano e sensuale ( amore per la Donna) ci porta          attraverso il sentimento (        la produzione poetica, cioè l’Arte) al vero amore spirituale ( la Fede in Dio).

      L’Arte ( cioè la poesia), creazione umana, ispirata dalla Donna, ci porta al Creatore eterno, che è amore. Dante canta l’amore, canta la Donna, fa del                canto un’Arte, come              dono da offrire all’amore supremo che è Dio ( la Fede). I tre amori di Dante  tornano costantemente a rincorrersi.

       E la fede di Dante è una fede convinta, come appare da numerose citazioni della Commedia e della Vita Nova, tanto che alcuni lo chiamavano Poeta,            altri Filosofo, altri                    Teologo. E Dante cantò Dio nel modo più vario, con la maggior perfezione: Dio, giustizia che danna all’Inferno i malvagi; Dio speranza           soave dei peccatori che si ricovrono sotto           le grandi ali del suo perdono e purgano nell’aspettazione le colpe terrene; Dio luce e amore, nella gloria dei               cieli.

L’Angelillo fa proprio e sviluppa il pensiero di Carducci: La fine del Medioevo, età in cui Dante visse, lasciò un vuoto che si protrasse fino al Rinascimento. Merito di Dante, però,  è stato quello di aver riempito quel triste intervallo della storia della cultura. Ancora una volta l’Italia del suo tempo con la sua gioiosa operosità riempie questo intervallo e il merito spetta in primo luogo a Dante e alla sua opera.

E ancora oggi il messaggio di Dante è di stringente attualità nella nostra società, nella quale sembra che ci avviamo a vivere una vita senza più i valori saldi di un tempo, su cui fondare la nostra esistenza.

E ciò è dovuto, a parere del relatore, proprio al fatto che ‘ i tre amori’ di Dante: Donna, Arte, Fede, sono in profonda crisi.

La Donna, infatti, spesso è considerata come un oggetto da utilizzare a proprio piacimento, salvo a ricordarsene l’8 marzo, per giungere fino agli abusi, al mobbing, al femminicidio; l’Arte, non più fondata su canoni classici è frutto di correnti estemporanee ed effimere; viviamo in tempi di morta Fede, non tanto perché le chiese si svuotano, ma perché poniamo il nostro credo negli status symbol, nel potere, nella ricchezza.

Il saggio di don Angelillo, che riprende e approfondisce i ‘Tre Amori di Dante’: DONNA, ARTE e FEDE, cade propizio ai        nostri giorni, quasi come un invito a riflettere e recuperare attraverso quei tre elementi la vera essenza dell’umano vivere, che si sintetizza in un’unica              parola: AMORE. Donna è amore, Arte è amore, Fede è amore.

      Gioia dell’anima è la donna, gioia della vita è l’Arte, paradiso dell’anima è la Fede ( Dio).

      Un grazie al prof. Lozito per aver voluto caparbiamente recuperare questo attualissimo messaggio che viene dal saggio di don Vincenzo Angelillo e un            grazie all’Angelillo per la        lezione e le riflessioni che scaturiscono dal suo lavoro; se ne faremo  frutto  alimenteremo la speranza che nel mondo non ci              saranno più l’odio, le guerre, il male, ma nel cuore        dell’uomo albergherà l’AMORE, attraverso i ‘Tre amori’ di Dante: Donna, Arte e Fede.

      L’incontro è stato chiuso dal prof. Lozito, il quale si è soffermato sul primo dei tre amori di Dante, la DONNA, citando e commentando brani della Divina           Commedia riguardanti            Francesca da Rimini, Pia dei Tolomei, Piccarda Donati, Costanza d’Altavilla, Beatrice e la Madonna, percorrendo la parabola                  dell’amore, che spazia da quello terreno per            giungere alla pienezza dell’amore, quello divino.

      ©  E' consentito l'utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell'autore.

Print Friendly, PDF & Email

20 marzo 2018

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.