Michele Fasano

Tra i tanti nostri concittadini che per motivi di lavoro hanno dovuto allontanarsi dal nostro paese, ma che conservano l’amore per la propria famiglia e le proprie origini per cui   spesso e volentieri torna a Gioia per respirare l’aria del paese natio e per incontrare gli amici con cui scambiare esperienze e continuare a coltivare  relazioni e tradizioni, c’è  Michele Fasano, regista e produttore indipendente.

E’ nato a Gioia del Colle (Bari) nel 1965 da un’insegnante elementare ed un funzionario dell’Ufficio del Registro, poi divenuto Ufficio delle Entrate. Completa gli studi superiori a Gioia del Colle, dove nel 1984 consegue la Maturità Classica presso il Liceo Ginnasio “Publio Virgilio Marone”.

Le sue inclinazioni e aspirazioni lo portano ad allontanarsi da Gioia. Si laurea presso l’Università di Bologna in Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) con una tesi in Estetica: La poetica di Andrej Tarkovskij, ricerca basata sulle lezioni di regia del maestro russo stenografate presso il VGIK di Mosca, inedite e custodite presso l’ “Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij” a Firenze. Leggi tutto

Michele Fasano – Appunti per un film sul senso del luogo

Gennaio 18, 2008 by  
Filed under Eventi & Tempo Libero

Il Regista gioiese Michele FasanoDiwali – Filo di luce.

 "Quel filo di luce" celebra religioni e filosofie che illuminano la vita, "sa discendere nel prisma del mondo diffrangendo, sa rivelare il colore segreto di ciascuno… ogni uomo in sé è una religione… ". Tra i gioielli custoditi nel cofanetto prodotto e presentato in questi giorni a Gioia e a breve anche su Bari da Michele Fasano, un DVD da collezione ed un libro che ne racconta la genesi con interludi politico – sociologici ed approfondimenti curati da Maria Josè Compiani. Nell'introduzione vere "perle di saggezza" a firma di Pierluigi Basso per presentare un'opera che, con raffinata e rara sensibilità, svela il segreto ordito che lega la natura del luogo ad una cultura non sua. E' la storia di un'etnia nobile ed orgogliosa, avvinta con forti radici alle proprie tradizioni, che sceglie di migrare in comunità, perseguendo un progetto "imprenditoriale" attraverso umili lavori, come quello dell'allevatore "bergamino".

Leggi tutto

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.