Un ” Gate guardian ” a Gioia

A chi si trova a passare per la vecchia statale 100, poche centinaia di metri dall’ingresso della base del 36° Stormo, nel punto in cui il vecchio tracciato si dirama per consentire l’accesso nel Comune di Gioia, nel triangolo che si forma con il proseguimento verso Bari, non sfuggirà di trovarsi di fronte un   gate […]

Print Friendly

aereoA chi si trova a passare per la vecchia statale 100, poche centinaia di metri dall’ingresso della base del 36° Stormo, nel punto in cui il vecchio tracciato si dirama per consentire l’accesso nel Comune di Gioia, nel triangolo che si forma con il proseguimento verso Bari, non sfuggirà di trovarsi di fronte un   gate guardian o gate guard  ( custode o guardiano del cancello). Si tratta di un monumento militare, costituito da  un velivolo, montato su un basamento, utilizzato, in mostra statica, come una simbolica guardia intenta a "sorvegliare" l'ingresso del paese.

E’ un aereo  radiato, precisamente un Aermacchi MB 326, appartenuto al gruppo di stanza nella base aerea di Gioia. L’aereo, infatti, riporta sulla fiancata della fusoliera i numeri 36-40 che corrispondono a quelli che potrebbero considerarsi la targa e il suo numero identificativo: il primo n.36 sta ad indicare la sua appartenenza al 36° Stormo di Gioia, mentre il 40 indica il numero progressivo e identificativo o di matricola dell’aeromobile  della base aerea di Gioia.

L’MB 326, per le sue qualità e caratteristiche di affidabilità, manovrabilità e prestazioni, è un velivolo biposto che in passato è stato utilizzato per addestramento dei  futuri piloti e non come aereo da combattimento: il meglio della produzione aeronautica mondiale, orgoglio dell’industria aeronautica italiana il cui modello più moderno e perfezionato l’ MB 339 è utilizzato dai piloti della Pattuglia acrobatica dell’Aeronautica militare italiana. Dal 2017 entrerà in attività il nuovo Aermacchi MB  345. E’ da ricordare che la base aerea di Gioia dal 1946  fino al 1954 è stata sede del I Gruppo della Scuola di Volo dell’Aeronautica Militare, quando venne trasferita a Galatina.

Fu sviluppata anche una versione da attacco al suolo di tale velivolo, che  riscosse successo anche fuori dai nostri confini tanto che  fu venduta a numerosi paesi esteri.

La vita operativa dell’MB 326  è terminata nella seconda metà degli anni ‘90 dopo essere stato impiegato come velivolo di collegamento.

L’idea di posizionare il gate guardian  nel territorio di Gioia nacque all’indomani di una manifestazione organizzata a maggio per i ragazzi.

Infatti in occasione della quinta edizione del “ Maggio all’infanzia “, iniziativa voluta dal Comune di Gioia e dal Teatro Kismet OPERA di Bari, una sorta di festival artistico-teatrale per  bambini e ragazzi delle scuole dell'obbligo, tenutasi a Gioia dal 18 al 21 maggio 2002, il 36° Stormo dell’Aeronautica  militare di Gioia ha dato il suo contributo mettendo a disposizione dei partecipanti la carlinga di un aereo radiato dal servizio, perché fosse oggetto di libera attività artistica da parte dei ragazzi partecipanti a tale  manifestazione.  Essi infatti si divertirono sia a giocarci che a dipingerlo completamente dando libero sfogo al loro estro artistico.

targaVisto il successo della manifestazione, su richiesta dell’Amministrazione comunale si pensò di chiedere ai vertici dell’Aeronautica militare italiana di lasciare alla città di  Gioia un segno tangibile della presenza del 36° Stormo Helmut Seidi, e cioè  un aereo che rappresentasse anche un simbolo della coesistenza pacifica e costruttiva tra queste due realtà e per le giovani generazioni e non arma di guerra e di morte.

Un ruolo  decisivo nella realizzazione di questa  richiesta è stato giocato dall’intervento dei soci della locale Associazione Arma Aeronautica, intitolata all’aviere Filippo Vito  Romano, decorato con medaglia di bronzo e medaglia d’argento al valore militare.

Per l’occasione la stessa Associazione ha fatto dono alla città di una targa marmorea sulla quale, oltre agli stemmi del Comune di Gioia, del 36° Stormo e della medesima Associazione, viene riportata la seguente iscrizione: Insieme dal 1 giugno1966.

Fa, nella pace, dei nostri voli il nostro volo più ardito.

 La cerimonia si è tenuta giovedì 7 settembre 2006 in via San Pio da Pietralcina,  all’incrocio con vi Federico II di Svevia,  che segna l’ingresso sud di Gioia, alla presenza delle massime autorità civili e militari.

aereoNella zona in cui è stato collocato il velivolo, poggiato su tre basamenti di cemento armato e in posizione di decollo,  è stata simulata una pista di atterraggio e di decollo per aeromobili con apposita segnaletica  e presenza  del n.36, identificativo della base aerea di Gioia.

Fino all’anno scorso l’aereo presentava la punta rivolta verso Gioia  e forse per scaramanzia poiché sembrava  “ puntare “ contro la città,  è stato spostato con la fusoliera rivolta verso la sede del 36° Stormo, a ricordare che da quella base sono partite non solo missioni di guerra, ma soprattutto continuano a decollare numerose missioni  internazionali di pace.

©  E' consentito l'utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell'autore. 

Print Friendly

3 luglio 2016

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.