Palazzo Romano

E’ un palazzo storico gentilizio sito in via N. Sauro n.10 a Gioia del Colle, progettato dall’architetto gioiese Cristoforo Pinto per conto della famiglia Romano. L'architetto Pinto (1837-1915)  dopo essere vissuto a Gioia, nel 1878 si trasferisce a Milano. Numerose sono le progettazioni da lui realizzate sia nella nostra che in altre regioni. Tra le opere […]

Print Friendly, PDF & Email

E’ un palazzo storico gentilizio sito in via N. Sauro n.10 a Gioia del Colle, progettato dall’architetto gioiese Cristoforo Pinto per conto della famiglia Romano.

L'architetto Pinto (1837-1915)  dopo essere vissuto a Gioia, nel 1878 si trasferisce a Milano. Numerose sono le progettazioni da lui realizzate sia nella nostra che in altre regioni. Tra le opere progettate per Gioia ricordiamo: alcune ville dei signori Cassano, il Cimitero comunale, il Macello comunale, la Chiesa di Santa Lucia, i quattro plessi Gemmati-Castellaneta, la torre dell'orologio del palazzo San Francesco. Ha progettato anche il palazzo Cavallino ad Acquaviva delle Fonti, il palazzo De Sanctis a Santeramo, una Chiesa a Casamassima. A Milano, oltre che alla progettazione del Cimitero Musacco e di numerosi palazzi, riesce vincitore al concorso per il restauro del Duomo della città. Il 19 agosto 1869 la Reale Accademia delle Belle Arti di Milano lo giudica meritevole di una menzione onorevole per gli esperimenti eseguiti nel concorso assegnato alla Scuola Superiore di Architettura. A lui è stata intitolata la Villa comunale di Gioia del Colle con la relativa Piazza.

Tornando a parlare del Palazzo Romano, dai documenti dell'Achivio storico del Comune di Gioia del Colle veniamo a conoscenza che il 9 agosto 1934 la Giunta Comunale di Gioia prese in fitto questi locali dal signor Romano Giuseppe per allocarvi la Regia Scuola di Avviamento professionale, fitto rinnovato anche il 27 aprile 1936.

Il contratto fu stipulato tra il Direttore della Scuola, il prof. Giuseppe Antonicelli, e il rappresentante del Comune di Gioia, che in quel periodo era  il podestà, l' avv. Vincenzo Castellaneta.

La Regia Scuola prevedeva un corso secondario biennale di avviamento professionale e svolse la sua attività dall’agosto del 1934 per un decennio.

A testimonianza della destinazione didattica del Palazzo vi è il vasto portone d’ingresso, al cui interno veniva svolta l’attività ginnica da parte degli alunni, nonchè  due portabandiera, attualmente ravvisabili al piano terra e al primo piano.

Tale Scuola nel 1953 trovò ospitalità anche in locali siti in via Montecitorio e Mastandrea, nel 1954 in viale degli Studi.
Il Palazzo, a seguito del trasferimento della Scuola nella sede definitiva ( l'attuale Scuola Media Carano) è diventata una abitazione privata del figlio maggiore di Giuseppe Romano, Giovanni, il quale lo ha utilizzato anche come studio medico dentistico.

Alla sua morte si sono susseguiti diversi ‘inquilini’, tra i quali ricordiamo un  centro estetico e di benessere e un  elegante atelier per spose.

Rilevato in eredità dai germani Giuseppe e Lucio Romano, attualmente è in piena proprietà dell’avvocato Lucio Romano, che lo utilizza come contenitore culturale per eventi, mostre ed arti visive oltre che essere ideatore e patrocinatore di prestigiose iniziative Artistico-Culturali.

E' noto come ‘Palazzo Romano Eventi’ meeting, cultura & società, attraverso l' impegno del suo proprietario, da alcuni anni continua ad operare nel campo della intermediazione e promozione della cultura, della letteratura e dell’arte contemporanea, ospitando personaggi di grosso calibro a livello nazionale ed internazionale, richiamando un pubblico che proviene da numerosi Comuni della nostra regione.

L'avv. Lucio Romano mostra altresì una  particolare attenzione ad artisti e ai rappresentanti della cultura locale e per questo  organizza incontri con l'autore che di volta in volta riesce a coinvolgere nel ciclo di eventi programmati.

In questo suo  impegno, teso a valorizzare la cultura e l'arte, intesse preziose sinergie non solo con le Istituzioni, come la Provincia di Bari, i Lions International, il Comune di Gioia del Colle,  il 36° Stormo di Gioia del Colle,  ma anche con  Scuole, Associazioni culturali  e artistiche come L'Università della III Età di Gioia del Colle, l'Accademia di Belle Arti di Lecce, la LUM Libera Università Mediterranea Jean Monnet, di Casamassima, le Associazioni Petali di pietra, Il libro possibile, Sic! ProgettAzioni Culturali, Ueffilo Jazz Club, Etranger Filmfestival, Apulia Film Collection.

Pur con il passare degli anni e approssimandoci al centenario della fondazione, Palazzo Romano continua a mantenere il suo iniziale utilizzo, cioè di  contenitore culturale a favore della collettività. Nella speranza che la generosa disponibilità dell'avv. Lucio Romano e la funzione educativa  e di promozione culturale finora da lui svolta possa esercitarsi ancora per tantissimi anni, continuando a valorizzare le eccellenze non solo nazionali e regionali, ma soprattutto quelle gioiesi, formuliamo a lui gli auguri di lunga vita e di sempre nuove iniziative creative.

© Ê consentito l'utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell'autore.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

25 settembre 2018

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.