La Casa Torre

Non solo al turista poco attento, ma anche al comune cittadino gioiese, se entrambi non prestano attenzione alla modesta segnaletica presente, può sfuggire, a causa dell'angusta strada in cui è ubicata, un'antica Torre sita in via Fontana n. 5. E' difficile osservarla se non si alza gli occhi, proprio perché la costruzione è " costretta " da un'angusta […]

Print Friendly

Casa TorreNon solo al turista poco attento, ma anche al comune cittadino gioiese, se entrambi non prestano attenzione alla modesta segnaletica presente, può sfuggire, a causa dell'angusta strada in cui è ubicata, un'antica Torre sita in via Fontana n. 5.

E' difficile osservarla se non si alza gli occhi, proprio perché la costruzione è " costretta " da un'angusta  strada e incassata tra altre abitazioni.

E' stata costruita probabilmente su una preesistente fortificazione medievale.

Tra Via Fontana ( nome del  sacerdote Don Francesco Saverio Fontana, nato a Gioia il 1667 e morto Vescovo ad Ascoli Satriano nel 1736, il quale nel 1732 donò il suolo per edificare l'attuale Chiesa di San Francesco), Via Palude e  Largo Cisterna, in una zona  un tempo paludosa del centro cittadino, sembra che verso la fine del secolo XIII un nobile fiorentino, di nome  Perrino, della famiglia  De' Rossi ( casato che faceva parte della corte di Federico II  a cui è stata intitolata una delle due torri superstiti del castello, quella più alta sul lato sud-ovest ), fece costruire una Torre.

Della Torre abbiamo notizie certe il 14 dicembre 1819 in occasione di una deliberazione con la quale il Decurionato accetta l'offerta di Vito Felice Monte, di Gioiadi prendere a censo capitaneo ( pagamento, da parte di un capo importante della comunità, di

un tributo sull'immobile di cui il Comune vende la nuda proprietà, mantenendo il diritto alla rendita che ne deriva ), la Torre diruta di pertinenza del Comune sita alla Palude.

Il Decurionato nella seduta del giorno 11 agosto 1822 approva la richiesta Del Canonico Francesco Saverio Indellicati ( che stava realizzando una nuova costruzione ), per l'acquisto del fondo comunale detto " Torretta di Giuseppino ", perché la nuova costruzione da una parte toglieva lo sconcio e la sporcizia della diruta antichissima Torretta, dall'altra contribuiva anche all'abbellimento del paese con un nuovo e bel Palazzo. Tale alienazione ottiene l'approvazione reale nel 1824.

La somma di 170 ducati, proveniente da tale vendita viene utilizzata  per bonificare la zona malsana circostante ( via Palude ) e per la sistemazione di alcune strade interne del paese. 

Dalla deliberazione decurionale del 14 settembre 1824 apprendiamo che questa Torretta era stata anticamente costruita a guisa di Guardiola, ad uso di caccia degli uccelli nel lago già esistente in quel luogo, da cui venne, perciò, il nome di Strada Palude, quando il lago stesso venne colmato, lasciandovi quindi inutilizzata, abbandonata, nel mezzo, la vecchia Torretta che divenne luogo di immondizia e asilo d'azioni illecite. La Torretta, o Guardiola, aveva le dimensioni di palmi 18 di diametro, tra pieno e vuoto, per tredici palmi di altezza.

L'abate Francesco Paolo Losapio nel suo volume Quadro Istorico-Poetico sulle vicende di Gioia in Bari detta anche Livia, nel Canto secondo, strofa XXIX,  afferma: Già si sa dalla storia, che, distolto /  da corte da un Ciamberlan, non ebbe a vile / tra i cittadin di Gioja essere accolto / d'aver torre e palagio con cortile, / che del nome di Rossi  ancor s'appella / la sua palude e la sua torricella.

L'ingegnere Giovanni Milano in un articolo del 27 gennaio 1911, pubblicato su  " Rassegna Tecnica Pugliese ", 1911, fasc.II, riporta: Crediamo fare cosa grata agli amatori dell'arte pugliese riproducendo un esemplare di casa fortificata del principio del secolo XV.

Nel vicoletto Fontana largo appena metri 4, e non molto lontana dal castello Normanno-Svevo, sorge una piccola casetta larga metri 5,60 ed alta metri 14,60 rivestita tutta in pietra da taglio. Il portone è ogivo e posto ad un angolo per dar posto allo sviluppo della scaletta. La scaletta è larga un metro e costituita da due rampe composte di lastroni calcarei, ed i pianerottoli poggiano su volte a crociera a sesto acuto con costoloni spiccanti da mensolette.  E' caratteristica una cornice, che circonda il portone e poi si abbassa  fino all'imposta per tutto il resto del prospetto. Questo bel motivo ornamentale, che non si riscontra in altri monumenti, serve anche per risega al piano superiore alla cornice, che ha uno spessore di muro maggiore di quello della parte inferiore alla detta cornice. Le finestre sono rettangolari di varie dimensioni e variamente decorate. Tra il primo ed il secondo piano ricorre una cornice graziosamente intagliata, sulla quale vi sono tre finestre. Le due finestre laterali di luce 0,40×0,60 hanno le cornici intagliate una a guscio con palmette e l'altra a piccole punte di diamante. La finestra centrale poi è singolare, perché divisa in quattro parti da una croce greca, in maniera da farne risultare quattro luci eguali di 0,45x 0,60 ognuna circondata da una elegantissima modanatura, che profila anche la croce. Il secondo piano è coronato da una cornice smussata, su cui poggia il parapetto traforato a scacchiera ora in gran parte distrutto. Nei fori quadrati erano collocate palle di ferro, di cui esistono ancora alcuni campioni sulla terrazza e che servivano in caso di sorprese come proiettili contro gli assalitori. Tutto l'edifizio dimostra chiaramente il concetto della difesa, al quale fu informato, come la scala verso il prospetto, mentre i locali per abitazione sono verso l'interno, gli usci, che danno sui pianerottoli, il parapetto, che serviva da riparo e da posto di offesa.

Casa Torre 1La  pianta rettangolare della Torre, la scarsa estensione in senso orizzontale e il fatto che si innalza in senso verticale  confermerebbe la funzione di casa-torre di questa costruzione.

Rispetto al secolo scorso non ha subito pesanti trasformazioni. Il portone d'ingresso, che si apre sul lato sud della costruzione, è sormontato da  un arco ogivale che ricorda quelli delle porte d'ingresso del Castello. L'arco è inserito in una parete a bozze, mentre l'intera facciata   è scandita in quattro livelli di diversa fattura.

I primi due livelli, se non fosse per le aperture presenti, di diverse dimensioni e disposte su piani differenti, costituirebbero un unicum costruttivo, caratterizzato dalla presenza di materiale lapideo nella loro struttura muraria. 

Gli altri due livelli, caratterizzati dall'uso del carparo locale, sono delle sopraelevazioni, come si può notare dalla presenza di due diversi cornicioni marcapiani aggettanti, il primo in pietra intagliata con piccole bugne a punta di diamante e il secondo in carparo, alla base degli stessi piani, anch'essi di diversa fattura. 

Il secondo livello è connotato dalla presenza di tre aperture: quella centrale, elegante nella sua fattura e  più ampia delle altre, ha un impianto a croce greca ed è divisa in quattro luci, mentre quelle laterali, anch'esse di forma quadrata, presentano un'unica apertura e sono contornate da una cornice  lapidea finemente lavorata. L'ultimo livello, rientrante rispetto al prospetto,  presenta sulle facciate sud e nord tre ampie aperture ad arco a tutto sesto ed un'apertura con un  arco più piccolo sui lati est e ovest, che sorreggono la copertura del tetto.

Le  aperture presenti sull'ultimo livello conferiscono  allo stesso l'aspetto di un loggiato. I fori quadrati disposti a scacchiera e presenti all'interno del loggiato   e verosimilmente venivano utilizzati per il collocamento e  il lancio di materiale bellico, come palle di pietra o di ferro utilizzate come proiettili contro i nemici; questi particolari sarebbero un'ulteriore conferma anche della funzione di Torre vedetta della costruzione.

All'interno della casa torre si sviluppa una scala a otto rampe, costruita in pietra. Da segnalare è la presenza di una volta  a crociera a sesto acuto con costoloni che spiccano da alcune mensolette, che si può osservare  sul pianerottolo, di forma quadrata, del secondo pianerottolo. 

La tipologia costruttiva fa quindi propendere per un edificio rimaneggiato e completato  nel secolo XV sui ruderi di una fortificazione del XIII secolo, utilizzata come posto di vedetta e di caccia degli uccelli di palude ( come ci ricordano i nomi delle vie circostanti:  Palude e  Cisterna ).

E' stata disabitata per numerosi anni, fino a quando  qualche anno fa un puntuale restauro conservativo ha riportato al primitivo splendore la facciata della Casa Torre. Attualmente, dopo i restauri  è tornata ad essere adibita ad uso di abitazione.

©  E' consentito l'uso del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell'autore.

Print Friendly

20 novembre 2009

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.