Il villino Tateo

Una veduta panoramica di via Roma di Gioia del Colle, un tempo via  della Stazione, risalente alla fine dell’Ottocento ci mostra  sul lato sinistro, incamminandosi in direzione di Piazza Plebiscito, una vasta area ancora non urbanizzata, in parte utilizzata a giardino pubblico. Nel secolo scorso  il tessuto urbano di Gioia, ed in particolare quello che […]

Print Friendly

Via RomaUna veduta panoramica di via Roma di Gioia del Colle, un tempo via  della Stazione, risalente alla fine dell’Ottocento ci mostra  sul lato sinistro, incamminandosi in direzione di Piazza Plebiscito, una vasta area ancora non urbanizzata, in parte utilizzata a giardino pubblico. Nel secolo scorso  il tessuto urbano di Gioia, ed in particolare quello che è compreso tra la Piazza e la stazione ferroviaria, è stato stravolto da costruzioni moderne che ne hanno sfigurato l’originario assetto ottocentesco. In controtendenza con quanto si è verificato lungo quest’asse stradale, di fronte all’ingresso della Villa Cassano, in via Roma, oggi, ma non sappiamo per quanto tempo ancora,  è possibile ammirare, tra la folta vegetazione arborea e di glicini che hanno ricoperto l’artistica recinzione in ferro battuto,  una  villa più modesta, in stile liberty, nota come villino Tateo, così chiamata dal nome degli ultimi  proprietari.

Villino TateoCirca tre anni fa questo piccolo gioiello edilizio   ha rischiato di essere demolito e di entrare a far parte di quei ricordi affidati a qualche fotografia abbandonata in un cassetto o stampata su qualche libro di storia e tradizioni locali ,  probabilmente per far posto ad una moderna costruzione. Al di là

del pregio artistico o architettonico dell’immobile, se dovesse verificarsi una tale eventualità, si perderebbe un altro pezzo della nostra storia, come  è avvenuto in passato con l’abbattimento del Mercato Coperto e del palazzo De Bellis  in piazza Plebiscito,  di altri palazzi in Via Roma, dell’arena Castellano e del palazzo Soria in via Flora, del   ‘ campo di don Luigi ‘, donazione effettuata a favore della  chiesa di Santa Lucia, tra via Sannazaro e via Ariosto,  per citarne solo alcuni.

Infatti il manufatto in questione risale alla fine dell’ 800  e, come si può notare da una vecchia foto, Villino Tateogià del 1902 era sede della premiata fabbrica di latticini freschi dei fratelli Orazio e Clemente Milano.

In un periodo successivo alla realizzazione della villa è stata realizzata una  piccola costruzione, posta accanto al villino, con avancorpo affacciato su via Roma e non protetto dall’artistica  recinzione, come lo è  il resto dell’immobile. Probabilmente questa modesta dépendance in passato era usata come foresteria, come portineria o come punto vendita. Attualmente, ma anche in tempi non molto lontani, è stata utilizzata come esercizio commerciale.

Lo stato di abbandono in cui versano il  giardino e la scarsa manutenzione balzano  subito all’occhio del viandante, così come evidente è la bellezza  degli elementi architettonici che fanno da ornamento alla costruzione: artistici  vasi posti sulle colonne d’ingresso,  fregi architettonici e sculture poste accanto al portone d’ingresso o sul prospetto.

Villino TateoSembrerebbe che lo stato di abbandono derivi dal fatto che i proprietari, probabilmente residenti fuori regione, non potendosene prendere cura, avrebbero venduto la loro  villa, incuranti della fine ingloriosa che la stessa avrebbe potuto avere.

Poiché sembrerebbe che ad impedire l'abbattimento del villino sia intervenuta anche la Soprintendenza pei i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici di Bari, mi chiedo: sarebbe assurdo pensare ad un esproprio del villino Tateo, da parte dell’Amministrazione comunale, per farne un Museo del settore lattiero-caseario, visto che in passato è stato utilizzato come caseificio?

© E’ consentito l’utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell’autore.

Print Friendly

9 luglio 2016

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.