Il Cinema Vittoria

Resta ancora vivo nel ricordo di alcuni cittadini gioiesi più avanti negli anni  un luogo di ritrovo pomeridiano legato al tempo libero e conosciuto  con il  diminutivo il pidocchietto: un cinema popolare sito in via Giovanni Bovio, attualmente denominata via Giovanni Carano Donvito. Infatti  fra il 1910 e il 1920 a Gioia oltre al Teatro […]

Print Friendly

Cinema Vittoria

Resta ancora vivo nel ricordo di alcuni cittadini gioiesi più avanti negli anni  un luogo di ritrovo pomeridiano legato al tempo libero e conosciuto  con il  diminutivo il pidocchietto: un cinema popolare sito in via Giovanni Bovio, attualmente denominata via Giovanni Carano Donvito.

Infatti  fra il 1910 e il 1920 a Gioia oltre al Teatro comunale Rossini operava il teatro delle marionette, nel teatro Vittoria, il  cui proprietario era il signor Consiglio Favale.

In quei tempi non vi erano tanti svaghi e divertimenti come nell’odierna società; i ragazzi trascorrevano il loro tempo libero giocando per strada con gli amici o ascoltavano dai nonni  storielle frutto della fantasia popolare o si appassionavano all'ascolto di esperienze  e fatti della loro vita.

Unica variante a questi raduni familiari era costituita dalla domenica, giorno in cui le mamme portavano i propri figli a vedere lo spettacolo delle marionette e lì trascorrevano un pomeriggio in loro compagnia.
Il teatro era  gestito  dal signor Pappalardo, coadiuvato dalla moglie e  dalla figlia durante lo spettacolo delle marionette. Molti ricordano che era un personaggio molto buono tanto che se qualche bambino si fermava nei pressi dell’ingresso del teatro con aria triste perché non aveva i soldi per pagare il biglietto ed assistere allo spettacolo, spesso il proprietario si impietosiva e lo lasciava entrare ugualmente.
Il teatro fu chiuso per qualche tempo a causa di un incendio.

Dopo essere stato restaurato viene  adibito a sala cinematografica  nel 1926. La gestione era affidata  al signor Michele Amico.

Poiché i primi film che venivano proiettati nelle sale cinematografiche erano muti, tra un tempo e l’altro suonava un’orchestrina di cui faceva parte il maestro Filippo Melchiorre, nome legato alla storia della banda degli Orfani di guerra dell’Istituto Padre Semeria e in seguito a quello della Banda musicale di Gioia del Colle.

Successivamente il Vittoria fu gestito dal signor Giuseppe Castellano, che se ne prese cura fino a quando nel 1935 ebbe in concessione il teatro Comunale. 

Sul finire della seconda guerra mondiale il cinema Vittoria  viene requisito dalle autorità militare  alleate  per essere utilizzato come loro quartiere generale.

Il 26 ottobre 1943 la Jazz-band, il cui direttore era Donato Patarino,  presta servizio al Cinema Teatro Vittoria per un concerto in omaggio  alle truppe  inglesi di stanza a Gioia.

Negli anni ’50, dopo essere stato derequisito dalle autorità militari alleate, viene utilizzato come sala cinematografica. Con il passare degli anni e con l’entrata in funzione del Cinema Smeraldo, sala molto più ampia e confortevole, del Teatro comunale, dell’Arena Castellano e di alcune sale cinematografiche parrocchiali  il cinema Vittoria resta chiuso e  inattivo per diversi anni.

Il cinema aveva una platea e una serie di posti in galleria, zona preferita dai ragazzi e quindi più affollata, perché il biglietto per accedervi era meno costoso, chiamata per questo anche  piccionaia.

I frequentatori del cinema ricordano ancora che durante l’intervallo tra il primo ed il secondo tempo della proiezione dei film potevano recarsi nei pressi del botteghino per acquistare dei ceci abbrustoliti, dei lupini o dei semi di zucca infornati, che venivano dispensati a un prezzo modesto e nella misura di un bicchiere di legno.

 Dopo essere stato  inoperoso per numerosi anni  è stato messo in vendita. E’  stato   restaurato ed ampliato ed attualmente è adibito a  sede di uffici e di  attività commerciali.

       ©  E’ consentito l’utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell’autore.

 .

 

Print Friendly

3 febbraio 2017

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.