Giardino didattico

Di fronte all’Ospedale Paradiso insiste un suolo, che, come si può notare dall'iscrizione posta sulle colonne che ne delimitano l'ingresso, apparteneva al prof. Filippo Linzalata. Tale suolo sicuramente fu donato in beneficenza all'I.P.A.B di Gioia,ma  con la soppressione dell'Ente di Pubblica Assistenza e Beneficienza inizialmente non si capiva  chi  dovesse incamerare tale bene.  La sua […]

Print Friendly

Di fronte all’Ospedale Paradiso insiste un suolo, che, come si può notare dall'iscrizione posta sulle 2016-07-01 09.26.30colonne che ne delimitano l'ingresso, apparteneva al prof. Filippo Linzalata. Tale suolo sicuramente fu donato in beneficenza all'I.P.A.B di Gioia,ma  con la soppressione dell'Ente di Pubblica Assistenza e Beneficienza inizialmente non si capiva  chi  dovesse incamerare tale bene.  La sua gestione e la proprietà, data l'esiguità  e lo scarso valore economico del suolo,  piuttosto che essere contese tra i vari possibili possessori, erano rimpallate tra Comune di Gioia e ASL/BA e quindi quella zona era lasciata nel più completo abbandono. Su tale suolo è stato effettuato un primo intervento di recupero, con la creazione di una vasca  con fontana, piante acquatiche e pesci e panchine ad anfiteatro per rendere fruibile  la zona. Per qualche anno l’Amministrazione Comunale, mettendo in atto l’obbligo di piantare un albero per ogni neonato, obbligo introdotto in Italia con  la legge Cossiga-Andreotti n.113 del 29 gennaio 1992, ha adempiuto a tale scopo utilizzando questa  zona.

Successivamente, a causa dei costi di gestione, della mancata manutenzione e dell’inerzia dell’ente proprietario, la zona versava in situazione di degrado e di abbandono totale. 

Negli anni 2008-2009 l’Assessorato all’ambiente del Comune di Gioia e la SPES bandiscono il progetto  “ Incarta la carta “, teso al recupero e alla vendita della carta nel nostro territorio. Grazie ai proventi ottenuti  dalla realizzazione del  progetto vengono acquistate delle piante tipiche della nostra macchia mediterranea e messe a dimora nel giardino.

Il 21 marzo 2009, come si può apprendere dalla targa posta all'ingresso di Via dei Riformati, l'Amministrazione comunale di Gioia ha inaugurato il Giardino Didattico,  area verde a tema realizzata in collaborazione con la sezione locale del CAI ( Club Alpino Italiano ) e della SPES, che ha intitolato al dott. Tommaso Bianco, ingegnere e appassionato agronomo gioiese morto qualche anno prima.

Un’opera non solo meritoria dal punto di vista del recupero urbano e paesaggistico, ma anche dal punto di vista culturale e didattico. La presenza  nel girdino di un piccolo anfiteatro e di due panchine circolari sono la manifestazione evidente che la struttura può ospitre gruppi di studenti per seguire all’aperto e dal vivo lezioni di scienze naturali.

Infatti una delle finalità del progetto e della istituzione del giardino era non solo quello di creare una zona dove poter trascorrere serenamente e in compagnia alcune ore di tempo libero, ma anche di rivalutare e salvaguardare alcune specie arboree tipiche della nostra zona, da essere utilizzate come palestra di studio per gli studenti dei vari ordini di scuola presenti sul territorio.

A tale scopo, infatti, le diverse specie arboree sono state corredate di schede botaniche  identificative  delle varietà che sono state piantumate ( con il nome scientifico e quello dialettale ) mentre alcuni cartelloni metallici offrono approfondite notizie su piante, fiori, frutti, funghi e animali tipici della nostra zona. Un percorso culturale, dunque,  attraverso un’oasi naturalistica e di svago.

corbezzoloNel 2011, in occasione delle celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, il Comitato regionale per tali festeggiamenti, ha pensato di far piantare un “ albero tricolore “, simbolo della bandiera italiana in ogni città della Puglia, non solo a ricordo dell’Unità d’Italia, ma anche  “ dell’Impresa dei Mille “, nell’ambito del progetto Mille corbezzoli per mille garibaldini.   

A tale scopo il Comitato è riuscito ad ottenere dalla AN.FOR ( Associazione Nazionale Forestali in congedo ) mille alberi di corbezzolo, tanti furono i partecipanti all’impresa di Garibaldi, e li ha donati a molti Comuni pugliesi perché li piantassero nel loro territorio, dedicando ogni albero a ricordo di un garibaldino. L’albero del corbezzolo è stato definito albero del Risorgimento  per i colori: verde delle foglie, bianco del fiore e rosso del frutto.

Poiché il  nostro Comune non annovera, a memoria d’uomo, alcun cittadino gioiese come partecipante all’Impresa dei Mille, a marzo del 2011 con una cerimonia a cui hanno partecipato autorità civili e militari  nel giardino Didattico  è stato  piantumato un  albero di corbezzolo, che è stato dedicato alla memoria  del garibaldino Pietro Antonio Battifarano, originario di Nova Siri ( MT ). Alla manifestazione erano  presenti il Capo d’Istituto e una rappresentanza della Scuola Media Carano, istituzione scolastica che si trova a ridosso del Giardino, quasi a significare l’affidamento alla Scuola del ricordo di quegli avvenimenti e dell’ utilizzo e della cura della struttura.

Infatti per l’occasione si è proposto di far approfondire agli studenti delle terze classi ricerche storiche sul garibaldino Battifarano; la classe  che avesse svolto il miglior elaborato avrebbe vista intitolata la propria aula al garibaldino e avrebbe ottenuto un attestato dal Comitato organizzativo dell’evento. Alle terze classi della Scuola  Media Carano sarebbe spettato il compito di organizzare di anno in anno una cerimonia commemorativavo dell’Unità d’Italia.

Il Giardino Didattico attualmente versa in uno stato di abbandono e di degrado, mentre meriterebbe maggior attenzione non solo da parte dell'Amministrazione comunale, ma anche dei cittadini e delle Scuole perché sia salvato un altro pezzo della nostra storia, della nostra cultura e delle nostre tradizioni.

©  E' consentito l'utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell'autore.

Print Friendly

1 luglio 2016

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.