Fra’ Serafino – Il sorriso del creatore

Dedicata a Fra' Serafino Melchiorre, eletto socio benemerito del Circolo Unione per "essersi particolarmente distinto a livello nazionale e internazionale con la sua arte eclettica e versatile, conferendo lustro alla città", una conferenza di pregio per ricordare quanto la semplicità possa offrire in dono alla "Liturgia dell'Arte", attraverso un dialogo "serrato", di estrema sintesi nei […]

Print Friendly

Fra Serafino Melchiorre - Stefania Severi - Giuseppe CetolaDedicata a Fra' Serafino Melchiorre, eletto socio benemerito del Circolo Unione per "essersi particolarmente distinto a livello nazionale e internazionale con la sua arte eclettica e versatile, conferendo lustro alla città", una conferenza di pregio per ricordare quanto la semplicità possa offrire in dono alla "Liturgia dell'Arte", attraverso un dialogo "serrato", di estrema sintesi nei contenuti, sorretto da un perfetto ed istintivo equilibrio geometrico, costruito su linee e tonalità catartiche e rasserenanti, pervase di tenerezza verso l'Umanità.

Stefania Severi, direttrice di "Roma Cultura", segretaria di redazione di "Lazio Ieri e Oggi", illustre storico e critico d'Arte, curatrice di numerosissime mostre d'Arte Sacra, nel "leggere" e decodificare con appassionata competenza il messaggio teologico e artistico del frate, seduce i presenti

in una ispirata e armoniosa esegesi. Un messaggio diretto ed immediato, enfatizzato da una spiritualità che si stempera nei colori, dona incorporea aura alle sculture e torna incanto nei presepi. Negli splendidi scorci di Roma, nei lussureggianti viali, retaggio di atavici ulivi, nelle nevicate, nei cieli tempestosi, gravidi di pioggia tra azzurre promesse di sereno, nei grappoli di glicine dall'indovinata angolatura, dinamici "punti luce" che inventando equilibri cromatici, lasciano in ombra storia e architetture.

Insolito ma autentico autoritratto, natura morta in "natura silente", le margherite gialle nel bricco sulla seggiola che si replicano accanto a pennelli, straccio e colori, mentre sul cielo chiaro di un animo in proiezione verso l'infinito si spalanca la finestra della vita. Sintesi di armonia nella cromia di terre dei cardi, anch'essi "su seggiola", emblema di quella Murgia che ha ospitato e nutrito Fra' Serafino. Trafigge lo sguardo la crocifissione di San Pietro con i suoi colori d'autunno, acceca di azzurro la conversione di San Paolo, acme di spiritualità d'Arte. Nei portali di bronzo il frate scolpisce la storia dei santi, incide messaggi di pace e senza ridondanze abbandona lo spazio per cercare lo sguardo, infine nei luoghi che trasudano Dio sceglie il silenzio di graffianti croci. Alla "Madre" di tutte le madri cui si aggrappa assetato di amore il Figlio, ai castelli di mistici presepi, alla lucente maiolica su cui continua a narrare il Vangelo, affida la sua creatività di "creatura debole e fragile, penna nelle mani di Dio", perchè nulla può essere creato senza che la "colomba dello spirito divino" scenda e infonda sapienza.

Al Presidente del Circolo Unione Giuseppe Cetola, a Pasquale Giordano, instancabile promotore e amico di sempre, ai suoi cari, a tutti i presenti Serafino ha lasciato in dono l'esempio di una santa, semplice ed operosa serenità.

Dalila Bellacicco

Da: La Piazza  – Gioia del Colle – Ottobre 2007.

Print Friendly

28 ottobre 2007

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.