Vincenzo Celiberti

Vincenzo CelibertiAnche Vincenzo Celiberti è un giovane gioiese che fa onore alla nostra città, ma   che  lavora in Francia. Per un brevissimo periodo è stato mio  alunno nella Scuola media.

Archeologo preistorico, è  specializzato in paleontologia e primatologia.  La sua passione per l’archeologia lo ha portato a girare per tutti i continenti alla scoperte di tracce della presenza dell’uomo nei tempi remotissimi. E la sua passione lo ha portato, insieme ad altri colleghi  al ritrovamento di numerosi reperti di uomini vissuti  nel periodo preistorico. Uno in particolare è stato strepitoso: il ritrovamento di un’ulna,  osso che dal suo cognome  ha  preso la dizione scientifica.

Ha preso parte a  scavi  in tutta l’Europa meridionale nonché in Etiopia, Cina e Corea del Sud.

E’ archeologo presso il Centre Européen de Recherches Préhistoriques de Tautavel in Francia.

Continua la Lettura

Roberto Cazzolla Gatti

Roberto Cazzolla GattiNativo di Gioia, dopo aver completato gli studi superiori presso il Liceo scientifico di Gioia, tra attivismo nelle associazioni ambientaliste e volontariato presso i centri di recupero della fauna selvatica, si è laureato col massimo dei voti in Biologia ambientale ed evolutiva presso l’Università degli Studi di Bari discutendo tesi (triennale) in Ecologia Marina (“Il monitoraggio delle risorse demersali del Mediterraneo”) e (specialistica) Antropologia (“Il sistema visivo dei primati e la stereoscopia”).

Ha conseguito un Dottorato di ricerca in Ecologia Forestale, presso l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, studiando le foreste tropicali africane e la loro biodiversità (Ph.D. in Tropical Forest Ecology), discutendo una tesi dal titolo “The anthropogenic impacts on tropical forest ecology and dynamics”.

Continua la Lettura

Fra Serafino Melchiorre

26 novembre 2012 Autore:  
Categorie: Gioia Nota, Gioiesi nel Mondo

Fra Serafino MelchiorreNasce a Gioia il 2 settembre 1932 in una modesta casa del centro storico, in Via Dei Mori n. 33.

Grazie alle notizie che ci fornisce suo fratello Fabio possiamo ricostruire la storia di questo frate che sembra essere lontano dai nostri tempi, ma indiscutibilmente attuale.

Terzo di sei figli, suo padre falegname lo avvia da piccolo alla scuola del maestro Domenico Procino, un bravo ebanista del suo tempo. Dopo aver completato gli studi presso la locale scuola elementare frequenta a Gioia la Scuola di avviamento professionale  di tipo agrario e contemporaneamente  segue i corsi di calligrafia e disegno, sotto la guida del maestro Iacobellis ed ha come compagni i fratelli Wanvesterhout.

Fra Serafino Melchiorre con Giovanni Paolo IIComincia a disegnare sul retro delle bollette esattoriali e si cimenta subito con lavoretti in terracotta creta, con il cui ricavato decide di partire dalla sua Puglia. Avendo manifestato buone doti artistiche, infatti,  all'età di 14 anni

si trasferisce a Venezia, dove frequenta la Scuola d'Arte, non potendo permettersi di seguire i corsi all'Accademia delle Belle Arti.

Segue le lezioni di pittura, non trascurando di interessarsi delle altre materie  artistiche; era attratto anche dalla lavorazione della ceramica, dalla scultura, dal mosaico, dalla scenografia, materia che cercava di  apprendere intrufolandosi nelle sale in cui si svolgevano tali attività. Queste prime conoscenze di base gli serviranno nella sua successiva attività artistica.

Continua la Lettura

Gioiesi nel Mondo … Unitevi !!!

12 febbraio 2008 Autore:  
Categorie: Gioiesi nel Mondo

famiglia gioieseQuanti sono coloro che, nati a Gioia del Colle, risiedono oggi in un altra città italiana o in uno degli stati del mondo ?

O, ancora, quanti sono coloro che pur non essendo nati a Gioia, sono comunque figli o nipoti di gioiesi emigrati a partire dalla fine del secolo scorso ?

E' una stima particolarmente difficile da calcolare : I gioiesi iscritti nell'anagrafe dei residenti all'estero sono ad oggi circa 1500 ripartiti in circa 750 famiglie, ma tra questi non sono compresi coloro che si sono trasferiti all'estero partendo da un altro comune italiano; a questi sono da aggiungere coloro che sono fuori temporaneamente e coloro che risiedono in altro comune italiano (la maggior parte) di cui si perdono le tracce.

Continua la Lettura

Aiutateci a cercare la famiglia di Jaime Donatone a Gioia del Colle!

11 luglio 2007 Autore:  
Categorie: Gioiesi nel Mondo

Giovanni-Donatone-Giove-1Proseguono i nostri sforzi per ricercare i discendenti gioiesi di quel Giovanni Pietro Donatone Giove, emigrato a Santiago del Cile negli anni 30. Il nipote Jaime ci ha inviato, su nostra sollecitazione, ulteriori informazioni che riguardano i suoi avi, ed alcune foto che li ritraggono.

Le foto inviate dal Sig. Jaime, ad eccezione di quelle che contengono solo minorenni (che senza la presenza degli adulti non sono pubblicabili), si possono visionare nella gallery fotografica relativa ai Gioiesi nel Mondo.

 

fotogallery 

 

        Vai alla Galleria Fotografica dei Gioiesi nel Mondo.

 

 

 

Ecco il testo originale della e-mail inviataci. 

Señor Francesco De Carlo
 
Le envio un afectuoso saludo de parte mia y de mi familia.
Primero que nada, quisiera disculparme por no haber podido escribirle antes, debido a problemas de tiempo y de trabajo.
Por otro lado queria agradecer a Ud. el haber publicado la información que le envie referente a mi y a mi familia en su sitio web, la cual nos hizo sentir muy felices de haber sido considerados y de poder colaborar con Ud. en sus publicaciones.
También queria agradecer a Señor Andrea Vernia, por su importante y valioso comentario hacia mi persona.

Continua la Lettura

Gioiesi nel Mondo – La testimonianza di Barbara Tatiana Anzalone

Barbara Tatiana AnzaloneAbbiamo ricevuto da Bendorf in Germania, questa testimonianza di Barbara Tatiana Anzalone, ci fa molto piacere pubblicarla.

Ciao "Bella Gioia"
 
faccio parte di uno dei tanti nomi iscritti nelle pagine dell`AIRE, quindi residente all`estero e precisamente a Bendorf(Germania) nella Renania Palatinato. Vivo da 23 anni in questo paesetto nelle vicinanze della città di Coblenza(dal latino Confluentia),dove il Reno e la Mosella s'incontano.

Sono nata nella Grande Mela italiana cioè Milano, ma il mio cuore, le mie radici, i miei ricordi più belli e i più cari amici sono a Gioia dove ho vissuto parte della mia infanzia e gli anni più belli della gioventù. I ricordi che ho di Gioia sono infiniti e non tutti belli, ma perchè soffermarsi sui brutti se i belli sono molto piu`numerosi e ovviamente piacevoli?

Continua la Lettura

Un saluto da Jaime Donatone da Santiago del Cile

25 aprile 2007 Autore:  
Categorie: Gioiesi nel Mondo

La famiglia di Jaime DonatoneDa Santiago del Cile, abbiamo ricevuto una e-mail da parte di Jaime Donatone, oriundo gioiese residente in quella città nella quale, suo nonno, emigrò nel 1920; ci racconta di essere l'unico membro, con origini in Gioia del Colle, di una Associazione di Pugliesi che si è formata in Cile; sappiamo che ci segue spesso ed ha inviato una foto della sua famiglia.

Ci piacerebbe ricevere lettere simili dai nostri concittadini residenti in Italia ed all'estero, al fine di creare un archivio di testimonianze di chi è stato costretto a lasciare la nostra città ed una gallery fotografica  che attiviamo proprio con la foto inviataci dal Signor Donatone, ed alla quale vorremmo aggiungerne altre che, speriamo, ci invierete; Se le foto inviate saranno tante, le divideremo in una gallery dall'Italia ed una dall'Estero.

Il Signor Donatone nella sue e-mail cerca notizie dei suoi parenti ancora a Gioia del Colle, chiunque sia in grado di dargli notizie, può darle con un commento oppure inviando una e-mail all'indirizzo info@gioiadelcolle.info

Vi riportiamo il testo originale della e-mail in spagnolo con la successiva traduzione in italiano.

Continua la Lettura

gioiadelcolle.info visitato da Mosca …

21 marzo 2007 Autore:  
Categorie: Gioiesi nel Mondo

Abbiamo ricevuto dal Sig. Paolo Argento, copia di una lettera che egli ha inviato ad una sua conoscente residente in Russia, la cui madre è una giornalista che ha svolto ricerche sul passaggio del Maestro Pietro Argento, la quale ha avuto difficoltà ad acquisire le sperate notizie, forse perché i cambiamenti sopravvenuti (disgregazione del territorio sovietico) hanno interessato anche gli archivi ed i musei.

In questa lettera il Sig. Argento, parla del nostro portale ed invita la sua conoscente a visitarlo (dobbiamo infatti registrare, con una punta di orgoglio, una visita al nostro sito dalla citta di Mosca, rilevata dal nostro sistema di analisi Google Analytics).

Nella stessa lettera il Sig. Argento ci definisce "uomini di cultura e di buona volontà" con l'intento della "ricerca condivisa, perciò altamente democratica, di percorsi idonei a garantire a tutta la popolazione una migliore qualità della vita".

Continua la Lettura

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.