Pupa cerca famiglia

3 agosto 2011 Autore: La Redazione  
Categorie: Comunicati, Primo Piano

Pupa è una femmina adulta di simil-labrador, che ha trascorso gli ultimi anni della sua vita in una condizione di semi-libertà, garantitale dal suo stato di “cane di quartiere”, così come consentito dalla Legge 281/91 (“Legge quadro in materia di animali d’affezione e prevenzione del randagismo”) in virtù del quale è stata amorevolmente seguita da un gruppo di cittadini che si sono occupati di lei, sterilizzandola, microchippandola e sottoponendola, all’occorrenza, ad ogni profilassi veterinaria necessaria a preservare il suo stato di salute.
 
Purtroppo però, da qualche settimana la permanenza di Pupa nel suo “quartiere adottivo” è diventata difficile da gestire, anche in virtù del fatto che chi si è occupato di lei fino a questo momento, risulta ora impossibilitato a farlo.
 
Pertanto Pupa è stata trasferita in un canile, dove sosta da circa due settimane.
 
Qualunque canile, anche se gestito nel migliore dei modi, è comunque un luogo dove i nostri amici pelosi sono destinati a vivere da semi-ergastolani innocenti e costituisce un doppio trauma, quando, come nel caso di Pupa, diventa la nuova residenza, dopo anni di piena libertà.
 
Vorremmo quindi provare a regalare Pupa un’alternativa al canile.
 
Cerchiamo dunque qualcuno, che disponendo di un ampio giardino o di un vasto spazio aperto, sia disposto a diventare la sua nuova famiglia.
 
Con il suo temperamento dolce e  affettuoso, Pupa ve ne sarà riconoscente a vita!
 
Per informazioni:
 
 
339 77 29 678

Aggiornamento dall’Osservatorio Permanente Ospedale Paradiso

 .

In data  21 giugno 2011 una rappresentanza  della III^ Commissione consiliare, congiuntamente a quella dell'Osservatorio Permanente Ospedale Paradiso, ha effettuato un ennesimo  sopralluogo alla locale struttura ospedaliera, motivando la stessa  come ordinario controllo e verifica della status quo.

Da quanto abbiamo potuto constatare ed udire dal locale direttore sanitario,  sia la III Commissione che l'Osservatorio ritengono che si stia continuando ad  attuare quel processo di depotenziamento dell'Ospedale Paradiso, preludio per una imminente chiusura.

Infatti l'OPT, guasto da quasi quattro anni, non è stato nè riparato nè sostituito, il laser oculistico,   nonostante le precedenti rassicurazioni è ancora inutilizzabile dal mese di aprile del 2010, la TAC funziona solo sporadicamente per mancanza di personale.

Nel frattempo si chiude Noci e un cardiologo lì operante viene trasferito a Putignano. Tre mesi fa, in occasione dell'ultima visita ispettiva era stato comunicato che un radiologo era stato spostato da Noci, il cui reparto era in chiusura, a Putignano.

Il locale Direttore sanitario ha affermato che dal 1° luglio 2011, per  garantire la fruizione delle ferie al personale medico e paramedico l'U.O. di Geriatria passa da 20 a 10 posti letto e la'U.O. di Medicina passa da 20 a 12 poti letto per acuti + 4 posti letto di lungodegenza ( provenienti da Noci,  la cui struttura verrà chiusa a quella data). Sempre a partire dal 1°  luglio nell'Ospedale Paradiso sarà operante un solo cardiologo  dalle ore 8 alle ore 14, sarà chiuso agli esterni l'ambulatorio di cardiologia, sarà presente un solo fisioterapista, per pensionamento dell'altro attualmente operante, sarà ridotta una unità nel laboratorio di analisi. A ciò si aggiunge che attualmente  il reparto di radiologia lavora con un'unità medica in meno per il pensionamento del primario e con un numero di tecnici inadeguato  a causa di alcuni pensionamenti, mentre da Noci, coome già evidenziato,  un radiologo era già stato spostato a Putignano nei mesi scorsi, continuando a potenziare quel nosocomio.

Tutto ciò, oltre che a depotenziare in modo subdolo il nostro Ospedale, sottraendogli mezzi e risorse umane porta ad un potenziamento della struttura ospedaliera di Putignano, struttura in passivo rispetto a quella di Gioia, come i dati più volte segnalati e forniti dalla ASL ci confermano.

Il sottoscritto ha espresso la forte preoccupazione sua, dell'Osservatorio e dell'intera città, per questo stillicidio che si sta operando nei confronti di   Gioia e, pur ribadendo la ferma volontà di mantenere in vita l'Ospedale Paradiso, alla luce di questi dati allarmanti ha chiesto al locale direttore sanitario di scrivere ai suoi superiori ed esprimere loro il suo disappunto per il trattamento riservato al nostro nosocomio, abbandonato a  se stesso e reso pericoloso dal punto di vista della sicurezza dei suoi fruitori  e, in mancanza di risposte adeguate, di provvedere alla chiusura dell'Ospedale, chiarendo che tale scelta è motivata dalla sua responsabilità derivante dal non poter garantire i minimi ed indispensabili requisiti assistenziali in regime di  sicurezza.

In data 22 giugno dall'ambulatorio di Endoscopia sono partite due richieste di ricovero di due pazienti che presentavano gravi sintomatologie. Sia nell'U.O. di geriatria che da quella di Medicina sembrerebbe che non sia stato possibile ricoverare i due pazienti, perchè  dalla Direzione sanitaria sarebbe venuta la comunicazione della riduzione a 10 posti in geriatria e a 12 in medicina, con arrivo di 4 pazienti di lungodegenza da Noci. 

Poiché ci siamo battuti, con dati di fatto e motivazioni di opportunità logistiche  e non per motivi campanilistici, per la salvaguardia  ed il potenziamento dell'Ospedale Paradiso, come ha dimostrato anche la partecipazione della Città alle  manifestazioni da noi organizzate in difesa della salute comune, abbiamo  segnalato agli organi di stampa questo subdolo progetto che qualcuno sta mettendo in atto per continuare a mettere in difficoltà il nostro Ospedale, per depotenziarlo e quindi farlo agonizzare, esprimendo la rabbia nostra e  di tutta la città che viene gradualmente defraudata del diritto alla salute.

Queste nostre preoccupazioni sono condivise da molti nostri concittadini e la difesa del " Paradiso " ce la chiede con maggior forza ed insistenza l'intera città  per l'attacamento ad un bene collettivo che da oltre 600 anni la Città ha voluto con forza e che ha sostenuto nei secoli con continue e cospicue donazioni.

L'Osservatorio è fiducioso nelle sagge e puntuali decisioni degli Organi istituzionali, ma  al di là delle decisioni del TAR e dell'azione investigativa che fa seguito al suo esposto alla Procura della Repubblica, è fortemente preoccupato per il silenzio e l'indifferenza del mondo politico, l'unico in grado di raddrizzare una barca in balia delle onde.

Infatti dopo le interrogazioni dei consiglieri regionali Marmo, Palese e Boccardi e dopo l'incontro-ispezione del consigliere Boccardi tenutosi nell'Ospedale di Gioia, ci saremmo aspettati una continuità e l'istituzione di quel tavolo di concertazione ipotizzato dal consigliere Boccardi, alla luce della presenza in loco della base aerea del 36° Stormo. Alle parole,però, non sono seguiti i fatti.  Le  lamentele nostre e della Città  resteranno, dunque, tali e cadranno sulle pietre, come sta accadendo, se  i politici, di qualsisi appartenenza e ordine, ma soprattutto tutti quelli a livello comunale, ad eccezione di  uno sparuto numero, quelli provinciali e regionali continueranno ad ignorare le giuste richieste non solo di circa 30 mila abitanti, ma anche di un comprensorio più ampio, che comprende tra l'altro anche  i Comuni di Sammichele, Casamassima e Turi. 

Portiamo a conoscenza della Città che l'Osservatorio continua nel suo vigile controllo e ha interessato del " caso" dell'Ospedale Paradiso: Report, Striscia la Notizia e Fabio e Mingo,  Le Iene, Indignato Speciale, L'Osservatorio Sanità, il Presidente della Repubblica Italiana, l'on, Leoluca Orlando, il direttore de Il Giornale. 

Alla luce della nomina del nuovo direttore generale dell'ASL BA, dott. Domenico Colasanto, l'Osservatorio ritiene opportuno un confronto con lo stesso e invita il sindaco a farsi promotore di un incontro tra l'Amministrazione comunale, la III Commissione consiliare,  l'Osservatorio e il nuovo direttore generale, per notiziarlo sulle problematiche e sulla situazione dell'Ospedale Paradiso.

Don Nicola Ludovico è tornato alla casa del Padre

                                                                                        don nicola_striscioni_04Don Nicola Ludovico, sacerdote gioiese e arciprete della Chiesa Madre di Casamassima, paese in cui ha dispiegato la sua opera pastorale per circa trenta anni, si è spento ieri pomeriggio nell'Ospedale San Paolo di Bari.

Nato nel 1946 a Gioia, al termine della scuola elementare ha  frequentato prima  il seminario vescovile  a Bari e successivamente quello regionale di  Molfetta.

Tra un mese avrebbe festeggiato il suo quarantesimo anniversario di sacerdozio; infatti è stato ordinato  sacerdote insieme a don Carlo Lattarulo il 17 luglio 1971, nella Chiesa dell' Immacolata Concezione di Lourdes, chiesa che è stata la sua palestra di vita e di formazione religiosa.

La sua partenza dalla scena di questo mondo è stata preceduta da un lungo periodo di malattia e di sofferenza, che lo ha visto nel suo ultimo anno di vita percorrere, come Cristo che ha annunciato nella sua vita, il Calvario, che è preludio alla vera vita.

Oltre al fratello Mario,  alla cognata  e ai tre diletti nipoti lo piangono l'intera comunità della sua nativa Parrocchia, tutti coloro che l'hanno conosciuto e hanno apprezzato la sua parola, sempre pronta a consolare chi era nel bisogno, nell'afflizione, nella sofferenza, il suo magistero sacerdotale e la sua opera di educatore.

Chi, come me, lo ha conosciuto e ha potuto apprezzare il suo darsi agli altri con un'inconsueta ma travolgente carica, con il sorriso e la battuta sempre pronti, con la sua voglia di stare in mezzo alla gente e soprattutto fra i giovani, non può non avvertire la sua mancanza.   

Infatti  molti giovani lo ricorderanno non solo come docente di religione nel locale Liceo Classico, ma anche come amico, perché  con loro ha voluto condividere gli anni più belli  della sua vita; amava stare in mezzo ai giovani, trasmettere loro, con il suo sorriso e le sue spontanee battute,  la gioia di vivere, la scoperta dei veri valori umani per farli avvicinare, in un secondo momento, spontaneamente e  discretamente, al messaggio evangelico e cristiano che aveva scelto di annunciare.

Grazie don Nicola per il  servizio che hai reso in favore delle nostre comunità.

Possa tu godere della pace eterna e della vera gioia che è il premio per le tue fatiche terrene.

Ciao, don Nicola.

Francesco Giannini

L’Osservatorio Ospedale Paradiso chiede l’intervento di Fabio e Mingo

L'Osservatorio Permanente Ospedale Paradiso, ipotizzando una probabile  lobby territoriale e un probabile caso di malasanità e di scarsa attenzione delle Istituzioni regionali e sanitarie nei confronti dell'Ospedale Paradiso, ha inviato il seguente comunicato a Fabio e Mingo, collaboratori di " Striscia la notizia ", confidando in un loro intervento per portare alla ribalta dell'opinione pubblica regionale e nazionale il caso del nostro Ospedale.

Gentilissimi Fabio e Mingo,

sono il Presidente dell’Osservatorio Permanente Ospedale “ Paradiso “ di Gioia del Colle  e vorrei sottoporre alla vostra attenzione un caso che potremmo definire, anche se forse  impropriamente, di probabile malasanità.

Il caso che ci interessa  non riguarda un caso di probabile malasanità personale, ma investe tutta la nostra comunità di Gioia del Colle. Continua la Lettura

La Fidas organizza due raccolte di sangue

COMUNICATO STAMPA
Il 17 febbraio al 36° Stormo e il 20 febbraio all’ex pronto soccorso dell’Ospedale Paradiso
 
Il 36° Stormo e la Fidas, insieme per la donazione volontaria del sangue, come ormai accade da anni. Dal 14 al 16 febbraio la Presidente della Federazione Pugliese Donatori Sangue (FIDAS), Sezione di Gioia del Colle, Sig.ra Maria STEA, svolgerà opera di sensibilizzazione al personale militare e civile prendendo adesioni per la giornata di raccolta prevista il 17 febbraio presso l’infermeria dell’Aeroporto Militare. Il nuovo Comandante del 36° Stormo Col. Pil. Giovanni Balestri ha dimostrato grande sensibilità, rendendo possibile questa mattinata di donazione. Il dono del sangue è un gesto di solidarietà verso gli ammalati e d’intelligente attenzione alla propria salute, che ad ogni donazione viene attentamente controllata attraverso esami clinici di laboratorio particolarmente approfonditi, a tutela della salute del donatore.
 
L'iniziativa è una risposta concreta alle necessità trasfusionali, ma dimostra anche, come organizzazioni, che pure hanno compiti istituzionali diversi, siano in grado di elevare la solidarietà da sentimento individuale ad impegno sociale e morale. Continua la Lettura

L’Osservatorio Permanente dell’Ospedale Paradiso informa

La manifestazione di ieri sera, 31 gennaio, organizzata dall'Osservatorio con il fattivo contributo  del " Lions Club Monte Johe "  Distretto 108 AB e con la collaborazione dell'Amministrazione comunale ha portato alla ribalta della cronaca regionale il caso " Ospedale Paradiso ".

L'Osservatorio non può che esprimere il ringraziamento  ai collaboratori e  a tutti i cittadini che, spontaneamente, hanno aderito alla manifestazione e, civilmente e con un fuori programma, hanno portato la loro protesta anche per le vie cittadine, per sensibilizzare al problema anche coloro che non erano venuti a conoscenza dell'evento, che era  stato pubblicizzato solo il giorno precedente.

Durante la manifestazione è stata  acquisita la disponibilità del Sindaco di affiancare l'Osservatorio e di recarsi, unitamente ad un numeroso gruppo di cittadini, presso la sede del Consiglio della Regione Puglia  giovedì 3 febbraio.

Il Consigliere regionale dott. Giammarco Surico, intervenuto alla manifestazione, si è impegnato a far ricevere una delegazione  composta da membri dell'Osservatorio, dei Lions e dal Sindaco, da  alcuni esponenti del Governo regionale, per rappresentare  loro le giuste richieste della popolazione gioiese in merito all'Ospedale Paradiso.

Il Sindaco ha assicurato che metterà a disposizione alcuni pullman per consentire, a chi  fosse disponibile, di raggiungere la sede del Consiglio Regionale di Bari.

I pullman partiranno da Piazza Plebiscito alle ore 8,30. 

Il consigliere Bradascio comunica

TEATRO " ROSSINI ":UNA GESTIONE DIRETTA ANCORA APPROSSIMATIVA

 

Il Consiglio Comunale, con delibera n.39/2008, ha approvato il Piano programmatico e organizzativo per la gestione diretta del Teatro " Rossini " di cui alla delibera della G.M. n. 74/2008 prendendo solo atto, data l'urgenza e con l'impegno di dare mandato alla Giunta Comunale solo ed esclusivamente per un anno di adottare tali provvedimenti.

Tante erano le novità e gli obiettivi prefissati da questa Amministrazione nella stagione 2008/2009 con un Bilancio Previsionale di 200.000,00 euro:

ridurre in misura consistente i costi di gestione;

 utilizzare per i servizi tecnici e di segreteria il personale del Comune e assumere con contratti a chiamata ulteriore personale esterno;

 istituire forme di sponsorizzazioni da parte di soggetti, ditte e istituti privati con la controfferta da parte del Comune di adeguate opportunità produttive a favore degli stessi;

escludere dall'attività di gestione la produzione teatrale;

includere la sezione del teatro leggero ( Cabaret );

istituire la Consulta Scuola-Teatro;

istituire in capo all'Assessore alla Cultura la Direzione artistica-organizzativa formata da un coordinatore tecnico e da un coordinatore artistico, oltre che un consulente musicale;

realizzare la stagione teatrale 2008/2009 prevedendo una somma in Bilancio pari a 200.000,00 euro;

A conclusione della stagione teatrale 2008/2009 viene presentato un bilancio di assestamento e variazioni che rispetto alle previsioni iniziali di 200.000,00 euro, registra un aumento pari al 13.50% per un importo di 227.000.00 euro, deliberato dalla GM n.131 del 26/09/2009 e ratificato dal Consiglio Comunale.

La rendicontazione è la relazione finale della stagione è stata presentata al Consiglio Comunale nel mese di Ottobre 2009 con tanti punti oscuri che non hanno chiarito la trasparenza amministrativa della gestione diretta da parte del Comune. Infatti:

le sponsorizzazioni calano da 30.000,00 euro iniziali ad euro 23.500,00, ma nelle casse comunali risultano introitati solo 6.500,00;

compaiono nuovi proventi per il Nolo Teatro per un totale di 8.700,00 euro;

non risultano chiare le procedure relativi ai costi SIAE;

le spese del personale hanno subito costi aggiuntivi per servizi vari affidati all'esterno:

le spese di economato non risultano nella relazione;

le spese delle utenze varie del Teatro (Acqua, Enel, Telecom, Gas, ect ) non sono state contabilizzate.

Il Sindaco e la Direzione artistica-organizzativa, in piena autonomia e contravvenendo agli indirizzi del Consiglio Comunale ( delib. n. 39/2008 ) ha informato gli abbonati sulla nuova stagione 2009/2010, diffondendo il programma e le tariffe con spot pubblicitari e radiofonici.

Il Consiglio Comunale viene convocato il 9 Novembre 2009 per approvare la proposta deliberata dalla G.M. n.201/2009 ( Piano di gestione e bilancio di previsione stagione 2009/2010 ) e prendere ancora una volta atto di quanto stabilito , ivi compreso le tariffe.

Tante erano le novità e gli obiettivi prefissati da questa Amministrazione nella stagione 2009/2010 con un Bilancio di previsione di 205.000,00 euro.

fare sistema in ambito territoriale come polo di attrazione anche sotto il profilo turistico;

perseguire ulteriori forme di sponsorizzazioni;

demandare alla Direzione artistica-organizzativa piena autonomia di scelte e migliorare la trafila delle intermediazioni e degli ingaggi delle compagnie degli artisti con trattative dirette;

rafforzare la scelta nella sezione cabaret potenziandola con il " Varietà, cabaret & C" alla luce dei risultati positivi della stagione 2008/2009;

rilancio della musica e della banda di Gioia del Colle;

riproposizione e rimodulazione della promozione artistica;

rifunzionalizzazione dei rapporti con le associazioni;

rimodulazione ed incentivazione alla struttura organizzativa ( Struttura organizzativa );

costituzione dell'Ufficio Teatro per la razionalizzare della spesa del personale;

affidamento al coordinatore tecnico- organizzativo di tutti i servizi tecnici e di segreteria.

Alla fine della stagione 2009/2010 viene presentata una relazione nel Consiglio Comunale il 20 Settembre 2010 ( delib. n.54 ).

Da un Bilancio di previsione di 205.000,00 euro, l'Amministrazione ha dichiarato che sono stati utilizzati circa 191.000,00 con un risparmio sulla gestione 2009/2010.

E sufficiente leggere attentamente il verbale della discussione avvenuta in Consiglio Comunale per capire che tipo di gestione è stata adottata e i tanti problemi evidenziati senza alcuna risposta in merito. Sono passati due anni di gestione diretta senza conoscere dettagliatamente la rendicontazione dei costi e chi ha realmente gestito un servizio pubblico che doveva condurre esclusivamente il Comune. I ritardi da parte di questa amministrazione, hanno indotto la minoranza a chiedere l'autoconvocazione del Consiglio Comunale per analizzare congiuntamente questa esperienza diretta di gestione e mettere a punto un sistema più chiaro e trasparente. Il Sindaco invece aveva già deciso di continuare questo percorso senza un preventivo dibattito politico-amministrativo, ignorando quanto in passato era stato evidenziato ed osservato.

Con delibera n.190 del 28 Ottobre 2010 la Giunta prende atto della proposta di stagione teatrale 2010/2011 destinando una somma di 160.400,00 euro da impegnare con apposita determinazione del Dirigente di Ragioneria sui capitoli del bilancio 2010/2011 e presentare istanza per eventuali finanziamenti regionali e senza predisporre il Piano organizzativo di gestione.

Il Consiglio Comunale viene convocato per il 29 Ottobre 2010 ( delib. n. 65) per approvare le tariffe della nuova stagione e prendere atto del calendario degli spettacoli della stagione teatrale 2010/2011.

Quali sono le novità e i punti non ancora chiari di questa amministrazione che continua ad improvvisare una gestione ed una programmazione piena di tanti interrogativi?

Decide di revocare la delib. di C.C. n.39/2008 nella parte in cui sono previsti gli organismi dei coordinatori tecnici ed artistici ed il conseguente Disciplinare sul funzionamento della Direzione organizzativa del Teatro. Con quali fondi saranno pagati i consulenti del Teatro e chi assumerà la Direzione artistica del Teatro?

Decide di adottare il piano di gestione 2010/2011 che prevede anche l'attività degli uffici comunali e del personale dipendente. Come mai il piano di gestione 2010/2011 non è stato preventivamente adottato dalla Giunta come peraltro è avvenuto in passato in cui il C.C. era stato messo a conoscenza prima dell'approvazione della stagione teatrale?In quali capitoli del bilancio saranno inseriti i costi del personale e i tanti servizi tuttora sconosciuti?

Decide di non inserire nel bilancio della stagione teatrale la voce di entrata relativa agli sponsor che in passato avevano contribuito alle attività culturali in cambio di opportunità produttive da parte del Comune? Come saranno utilizzati gli eventuali proventi rivenienti dagli sponsor?

Decide di aumentare le spese pubblicitarie ed inserire le spese di rappresentanza. Come si giustifica un aumento di spesa a fronte di una riduzione degli spettacoli e del bilancio della stagione teatrale?

Decide di inserire nel Bilancio le spese delle utenze. Come mai non sono mai state contabilizzate nel passato?

Decide di eliminare la sezione del " Varietà & Cabaret;

Questo, in sintesi, la storia di una gestione teatrale che presenta a mio avviso ancora tanti dubbi e tante novità che tuttora sono sconosciute e che sicuramente nel corso della nuova stagione emergeranno spero in positivo.

Gioia del Colle 9/11/2010 Tommaso Bradascio ( Consigliere Comunale )

 

Al Sig. Sindaco

Alla Giunta Comunale.

e.p.c. Ai Revisori dei Conti

Comune di Gioia del Colle

 

"MERCATI E MERCATINI": UNA STORIA ANCORA POCO CHIARA

 

Un’interrogazione consiliare sulla gestione dei mercati e mercatini presentata il 30 Novembre 2009;

una richiesta presentata in data 17 Febbraio 2010 al Sindaco, al Segretario Comunale ed al Dirigente di Ragioneria del Comune di Gioia del Colle per conoscere dettagliatamente tutte le entrate e le uscite relative alle iniziative assunte dalla Giunta Comunale e delle relative ordinanze sulle manifestazioni dei mercati e mercatini (nessuna risposta );

un’interpellanza consiliare presentata l’8 Giugno 2010 e iscritta all'o.d.g. del Consiglio Comunale ( delibera C.C. n.36 del19/07/2010 ) al fine di fare chiarezza sui tanti interrogativi evidenziati;

la presentazione di un documento dal titolo " Mercati e Mercatini" una vicenda inquietante, inviato in data 27 Luglio 2010 al Sindaco, al Dirigente Comunale, ai Consiglieri Comunali e per conoscenza al S.E. Prefetto di Bari che in sintesi riassume le risposte date dall'Amministrazione Comunale e le reali considerazioni ed osservazioni ancora oggetto di chiarimenti;

una richiesta di mozione presentata in Consiglio Comunale a firma di 8 consiglieri comunali di minoranza e discussa in data 5 Novembre 2010 per definire e chiarire in maniera assoluta una vicenda che ad oggi non ha dato le dovute risposte.

L'AMMINISTRAZIONE LONGO NON HA FATTO CHIAREZZA

sulle tante manifestazioni dei mercati e mercatini e iniziative varie deliberate dalla Giunta Comunale e dalle conseguenti ordinanze sindacali.

Il pagamento della TOSAP ( occupazione di spazi ed aree pubbliche ), non può essere una discrezionalità della Giunta e/o un optional del Sindaco, in quanto trattasi di una superficie sottratta all'uso pubblico e disciplinata delle attuali leggi regionali e nazionali vigenti, nonché dal vigente regolamento comunale.

Pertanto a mio parere, la dovuta applicazione della tassa, trova giustificazione nel beneficio economico che il contribuente ritrae dall'utilizzo del suolo pubblico e che non ha nulla a che vedere con la volontà di questa amministrazione di promuovere fiere, mercati, feste e festini per favorire il rilancio dell'economia locale.

Auspico che si ponga fine a questa vicenda con l'impegno da parte di questa amministrazione comunale di porre in essere con gli uffici competenti tutte le procedure per i mancati introiti di tutte le manifestazioni che in modi diversi hanno beneficiato di esenzioni non previste per legge ,al fine anche di scongiurare un eventuale danno alle casse comunali.

Gioia del Colle 9/11/2010 Tommaso Bradascio

(consigliere comunale)

L’Università della Terza Età e del tempo libero di Gioia compie 10 anni

L'Università della Terza Età di Gioia del Colle, la cui istituzione è stata sollecitata dal Comune di Gioia,  inizia la sua attività  con uno " Studio Pilota "  per l'avvio del progetto " Libera Università della Terza Età e del tempo libero ", presentato dal Consorzio SV.E.V.O.  ( Sviluppo Europeo Valide Opportunità )  con il patrocinio dello stesso Comune di Gioia.

Il progetto, che prevedeva  otto moduli, che si sono sviluppati  nell'arco di otto ore, ripartite in incontri della durata di due ore ciascuno, parte il 4 aprile 2002 con il seguente programma:

- ALIMENTAZIONE:

  L'alimentazione nelle diverse età.

  Nozioni di dietetica in relazione allo stato di salute.

  Igiene e conservazione cibi e bevande.

  Problematiche gastro-intestinali nell'età adulta.

- CREARE NEL TEMPO:

  Tecniche:
  Patchwork.

  Decoupage.

  Cartonaggio.

  Stencil.

- ELEMENTI DI STORIA LOCALE:

  Gioia archeologica.

  Gioia medievale.

  Gioia risorgimentale.

  Gioia protoindustriale.

 - DINAMICHE RELAZIONALI:

  La relazione e la normalità.

  Il disturbo e la patologia.

  La psicologia e lo sviluppo relazionale.

  Le relazioni  interne ed esterne alla famiglia.

- LOGICA E INFORMATICA:

  Microelettronica e informatica: la terza rivoluzione industriale.

  La logica del computer.

  Intelligenza artificiale?

  La rete delle reti: gli scenari.

- INGLESE:

  Curiosity shop.

Dopo questo primo anno di rodaggio il 3 ottobre 2002 nella sala del cinema Castellano  si è tenuta l'inaugurazione della Università della Terza Età e del Tempo Libero di Gioia del Colle, che si era costituita come Centro Studi e Ricerche – ONLUS, sotto la presidenza della dott.ssa Letizia Salvatorelli Guida.

La Presidentessa ha diretto egregiamente l' Università per otto anni, fino alla fine dell'anno accademico 2009-10, facendola crescere e portandola a raggiungere apprezzabili risultati nel campo socio-culturale e istituzionalizzando la celebrazione della ” Giornata della Memoria " .

L'anno accademico 2010-11, decimo anno dalla prima istutuzione dell'Università, si apre con una nuova e provvisoria Presidenza, pur nella continutà delle finalità e degli obiettivi di pomozione umana, sociale e culturale, che l' Associazione si propone.

L' inaugurazione del nuovo anno accademico 2010-2011 si terrà il giorno  6 ottobre 2010 alle ore 17,30 nell'Aula Magna del Liceo Classico " P.V. Marone " di Gioia del Colle, durante la quale il Presidente pro-tempore, sig. Giovanni Addabbo, presenterà i corsi che sono stati istituiti e i relativi docenti.

I corsi  fruibili per l'anno accademico 2010-2011   ammontano a  n. 35.

SCARICA L'ELENCO CORSI A.A. 2010-2011

L'orario e il giorno  di alcuni corsi potrebbe subire delle variazioni. 

L'iscrizione ai corsi potrà essere effettuata a partire dal giorno 11 ottobre presso la sede dell'Università della Terza Età, in Via Verdi n.10, tutti i giorni dalle ore 18,00 alle ore 20,00.

Attualmente la Segreteria dell'Università della Terza Età è aperta il giovedì h. 10-12, tel. cell. 3312343125.

  

L’Osservatorio Sanitario Permanente osserva e comunica

1 ottobre 2010 Autore: Francesco Giannini  
Categorie: Comunicati, Salute

COMUNICATO STAMPA

In data 23 settembre 2010, l'Osservatorio Sanitario Permanente Ospedale Paradiso, ha potuto constatare direttamente l'ennesimo disservizio verificatosi presso il locale nosocomio.

Questa volta, infatti, si è potuto constatare che per la manutenzione del giardino di pertinenza dell'ospedale, i lavori venivano eseguiti da una squadra della SPES, impresa privata che tra l'altro si occupa dell'igiene urbana, su specifica indicazione della Amministrazione Comunale.

In merito, si evidenzia che detta situazione che denotava una evidente trascuratezza, era stata già portata all'attenzione del Direttore sanitario di presidio (dott. D.L.), il quale in data 17 u.s., in proposito dichiarava che “”la competenza in materia è demandata all'Area Tecnica della Direzione Generale, la cui direzione  spetta all'ing. C. … omissis”.

Orbene, tenuto conto che in altri stabilimenti del PRESIDIO UNICO non è dato cogliere tale stato di abbandono dei giardini, il quesito nasce spontaneo: solo per Gioia del Colle non sono disponibili squadre di giardinieri?  

Anche questo potrebbe essere considerato espressione di una pianificazione lobbistica mirata da qualcuno per rendere sgradevole la struttura ospedaliera di Gioia del Colle?

Ancora oggi non si possono avere risposte a questi ed altri quesiti.

L'Osservatorio tiene a ringraziare sentitamente il Sindaco -Dr. Pietro Longo- tutta l'Amministrazione comunale e quella della SPES, oltre che gli addetti che hanno materialmente eseguito tali opere, per la loro disponibilità.

Inoltre si richiede alla Direzione Sanitaria di Presidio, in quanto ha avuto ripetuti contatti diretti con l'Osservatorio, di voler reiterare, come da sempre dichiarato, ogni opportuna iniziativa diretta al fine di essere più attenti all'Ospedale di Gioia del Colle, sotto TUTTI gli ASPETTI.

Lo stato delle cose, quindi, parrebbe rafforzare l'ipotesi dei “due pesi e due misure”, oggetto di una possibile occulta lobby territoriale.

Servizio Postale privato a Gioia

25 settembre 2010 Autore: Francesco Giannini  
Categorie: Attualità, Comunicati

Da poco anche a Gioia è attivo un Servizio Postale privato.

Infatti Daniele D’Aprile e Leonardo Panzarea hanno costituito la SD SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E DISTRIBUZIONE DI SERVIZI s.a.s. con lo scopo di offrire ai gioiesi una alternativa nel campo della distribuzione.

La sede è in Via Dante Alighieri, 33. La Mail Express Poste Private S.r.l. è un network postale da anni impegnato in un processo di rinnovamento nel modo di concepire il servizio postale.

L’impegno per tutti gli uffici in franchising presenti sul territorio nazionale (250 circa) è quella di ritirare la corrispondenza e recapitarla alle tariffe più convenienti e con una tempistica in linea con gli standard qualitativi europei (ISO 9001).

Scegliere Mail Express Poste Private significa poter fruire di numerosi vantaggi tariffari e di servizio, con risparmi considerevoli sul recapito della corrispondenza, oscillanti dai 30 cent. ai 2 Euro.

Il servizio comprende la stampa delle distinte di partenze e di ritorno e il ritiro a domicilio gratuito in funzione della quantità. Continua la Lettura

SERATA DEL VOLONTARIATO, DELLO SPORT, DELLA MUSICA E DELL’ENERGIA.

GEATECNO NEW VOLLEY GIOIA
in collaborazione con GEATECNO e con FIDAS
con il patrocinio del Comune di Gioia del Colle
presentano
 
ENERGIA E
SERATA DEL VOLONTARIATO, DELLO SPORT, DELLA MUSICA E DELL’ENERGIA
 
 
CONCERTO LIVE DEI SOULADDICTION
 
PIAZZA PLEBISCITO – GIOIA DEL COLLE
 
VENERDI  10 SETTEMBRE 2010 – ORE 21
 
 
L’energia della musica e dello sport al servizio dell’ambiente, con una mano tesa verso il mondo del volontariato e delle associazioni: questo lo spirito di “Energia è…”, una serata di suoni e sapori della nostra terra, per condividere informazioni e riflessioni sulle opportunità legate all’ambiente e al sociale.
Sul palco di “Energia è..” la band “Jammin' blue”(Putignano) e, a seguire, concerto live dei “Soul Addiction”, una formazione composta da professionisti affermati quali Paolo Iannattone alle tastiere, Carmen Montagna alla voce, Vito Ottolino alle chitarre, Felice Lella al basso e Felix Di Turi alla batteria.
Nella Piazza stand informativi sulle energie rinnovabili allestiti dall’azienda barese “Geatecno” e spazi di sensibilizzazione sulla donazione del sangue, voluti dalla “Fidas” per preparare la giornata del 19 settembre, in cui l’associazione sarà in Piazza Plebiscito con una postazione di raccolta sangue (in collaborazione con il Policlinico).
Ad allietare la serata, punti di degustazione di zampina gioiese.
Sul palco sarà, inoltre, invitata la squadra di pallavolo femminile “GEATECNO- New volley Gioia”, appena promossa nel campionato di serie C.
Presenta la serata Giuliano Giuliani, Media Partner “Telebari”.
 
Info: 0809751306

Azione congiunta tra Osservatorio Socio-Sanitario Permanente e partiti politici gioiesi

A seguito dell'Atto Aziendale n. 1490 del 31 luglio 2010, adottato dal Direttore Generale della ASL/BA, per l'Ospedale " Paradiso " di Gioia si prospetta un'ulteriore riduzione di più del 50% dei posti letto, che dovrebbero passare dagli attuali 72 a 32.

Tale ipotesi preccupa notevolmente l'Osservatorio, che vede attraverso questa soluzione il preludio per un'imminente e completa chiusura dell'Ospedale di Gioia del Colle.

Per questo motivo, in attesa che il Direttore Generale della ASL/BA convochi la Conferenza dei Sindaci per la sottoscrizione definitiva del Piano di rientro sanitario, i rappresentanti dell'Osservatorio Socio-Sanitario Permanente, di concerto con i rappresentanti di tutte le forze politiche locali, con il Sindaco, il Vice Sindaco e il Consigliere delegato alla Sanità, hanno dato vita ad una riunione congiunta sul tema del Piano di rientro ospedaliero in Puglia, con particolare riguardo alla situazione del nostro nosocomio.

Tutti i rappresentanti delle diverse forze politiche, dalla destra, al centro e alla sinistra, superando le differeze ideologiche e di partito, si sono trovate unanimi nel far proprie le preoccupazioni manifestate dai rappresentanti dell'Osservatorio e hanno deliberato di redigere un documento, unanimemente condiviso, da inviare all'Assessore alla Sanità, ai Capigruppo Consiliari e al Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia e al Direttore Generale della ASL/BA.

Il documento, oltre a rimarcare i concetti che sono alla base del riordino: taglio delle spese e qualità dei collegamenti tra gli Stabilimenti ospedalieri e il territorio, presenta una proposta che punta a riequilibrare funzionalmente i livelli di assstenza tra i nosocomi di Gioia e Putignano, sulla base dell'accertata agibilità operativa e tecnologica riconosciuta all'Ospedale di Gioia.

La proposta prevede, oltre alla presenza della Unità Operativa Complessa di Geriatria con i suoi 20 posti letto, il mantenimento a Gioia dell'Unità Operativa Complessa di Pneumologia con i 20 posti letto e l'accorpamento dell'Unità Operativa Complessa di Medicina, considerata come sede unica del Presidio Gioia-Noci-Putignano, con 28 posti letto, suddivisi nel seguente modo: 20 posti letto di Medicina Generale, 4 posti letto di Reumatologia e 4 posti letto di Ematologia.

Tale impostazione permetterebbe di utilizzare sinergie utili a riqualificare l'intera assistenza ospedaliera, in quanto rende possibile il mantenimento di una guardia internistica in grado di garantire il perfetto funzionamento sia delle Unità Operative sia del Pronto Soccorso.

Il documento sottolinea che la proposta non solo non è dettata da sterili campanilismi, ma non svilisce neppure le opzioni che l'Atto Aziendale prevede per Putignano, nè comporta aumenti di spesa per il bilancio regionale, ma rende fruibile la struttura ospedaliera di Gioia, che, in base a informazioni note alla comunità pugliese, deve farsi carico di affrontare anche l'imminente potenziamento del 36° Stormo con l'arrivo di centinaia di militari con le rispettive famiglie, dopo aver visto l'arrivo in sede del 10° Gruppo proveniente da Trapani, il primo luglio scorso.

Il documento approvato all'unanimità dai rappresentanti delle diverse forze politiche sarà portato conoscenza della Città a breve in un Consiglio Comunale aperto.

I rappresentanti dell'Osservatorio nella suddetta riunione hanno consegnato al Sindaco una missiva con la quale lo invitano a sollecitare il Direttore della ASL/BA a fornire ulteriori dati sul Presidio Ospedaliero Gioia-Noci-Putignano, visto che la precedente richiesta, al termine dei rituali 30 giorni, non ha avuto seguito.

Eugenio Macchia, si aggiudica il “Best Piano Player” del prestigioso Jimmy Woode Award

Il primo agosto al Tuscia in Jazz Festival la giuria composta da: Eddie Gomez, Antonio Sanchez, Kurt Rosenwinkel, Rick Margitza, Tony Monaco, Flavio Boltro, Dado Moroni, Antonio Ciacca, Giorgio Rosciglione, Gegè Munari, Marco Valeri, Domenico Sanna e Leonardo Corradi ha decretato i vincitori della quinta edizione del Jimmy Woode Award. In giuria oltre ai musicisti sopracitati anche la cantante Shawnn Monteiro, figlia del grande contrabbassista, e Jan Gaye, moglie dell'indimenticato Marvin Gaye.

Il giorno della finale gli otto gruppi selezionati sui quattordici ammessi alle semifinali si sono contesi l'ambito premio. Gli iscritti a questa edizione erano oltre novanta gruppi.

Dopo una splendida finale ad aggiudicarsi il premio è stato il Matteo Cidale quintet. Il gruppo del giovane batterista spezzino con un esecuzione magistrale ha messo d'accordo l'intera giuria vincendo questa edizione del Jimmy Woode Award. Al gruppo vincitore anche i premi come: Miglior Batterista a Matteo Cidale, Miglior Contrabbassista a Enrico Mianulli, Miglior Trombettista a Daniele Raimondi e Miglior Sassofonista a Manuel Trabucco.

Dietro a loro subito l'Eugenio Macchia trio per una manciata di voti e terzo classificato il trio del giovane pianista Simone Tocco.

Protagonisti del premio però sono stati Matteo Cidale quintet e Eugenio Macchia trio che hanno abbondantemente staccato tutti gli altri partecipanti. Da segnalare la vittoria come nuovo talento del quattordicenne pianista Tommaso Perazzo che nel futuro farà molto parlare di lui.

I vincitori ora si esibiranno il 27 novembre all'Auditorium di Roma nell'ambito della giornata conclusiva del Roma Jazz Festival, che ha appunto dedicato la giornata ai vincitori dei maggiori premi italiani dedicati al jazz.

L'importante giuria ha espresso giudizi entusiastici sull'altissimo livello dei partecipanti.

Ecco tutti i vincitori dell'edizione 2010.

Band
Matteo Cidale Quintet
Eugenio Macchia Trio
Simone Tocco Trio

Best new talentTommaso Perazzo
Best piano playerEugenio Macchia – Sandro Savino
Best bass playerEnrico Mianulli – Giulio Scarpato
Best sax playerManuel Trabucco
Best Guitar playerAndrea Molinari
Best drum playerMatteo Cidale
Best VoiceRomina Capitani
Sandro Verzari Award best trumpet playerDaniele Raimondi

Il gioiese Eugenio Macchia vince il prestigioso concorso Flores

Arriva dalla Puglia il nuovo vincitore del Concorso Nazionale di esecuzione pianistica jazz" Luca Flores "2010

Si chiama Eugenio Macchia, ha 29 anni, arriva dalla Puglia esattamente da Gioia Del Colle, ed è il vincitore della terza edizione del Concorso Nazionale di Esecuzione Pianistica Jazz "Luca Flores " 2010. Il "Concorso Luca Flores" è un progetto ideato ed organizzato dall'Associazione Vacanze Musicali di Firenze. L'idea di realizzare questa competizione di pianoforte jazz, è nata soprattutto dal desiderio di ricordare un formidabile pianista prematuramente e tragicamente scomparso: Luca Flores, uno straordinario talento del pianoforte, nonchè compositore di una sensibilità fuori dal comune.

Sabato 3 Luglio ore 21 c/o la Sala Congressi dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze si è tenuta la finale del Concorso, sono stati 7 i finalisti, provenienti da tutta Italia, che si sono contesi il titolo di vincitore di questa edizione e hanno dato vita ad una competizione pianistica senza esclusioni di colpi, dimostrando tecnica, improvvisazione ed interpretazione.

La Commissione composta dal M° Marco Vavolo, pianista, compositore e responsabile artistico del Concorso, da Alessandro Galati, titolare della cattedra di Piano Jazz presso la Scuola Verdi di Prato e da Alessandro Di Puccio, vibrafonista e direttore del CAM di Firenze, hanno ascoltato attentamente le esecuzioni dei finalisti e hanno decretato il vincitore.

La famiglia Flores, che segue sempre da vicino tutte le fasi del concorso, ha offerto ad Eugenio Macchia, primo classificato, una borsa di studio del valore di 500 euro. Inoltre sarà un anno intenso per il pugliese in quanto lo attenderanno diversi concerti premio presso il Teatro Metastasio di Prato (Metastasio Jazz), il Teatro del Sale a Firenze, il Lyceum Club a Firenze e Auditorium Parco della Musica di Roma (Roma Jazz Festival). Lo spirito del concorso quindi, non è stato solo quello di voler ricordare un formidabile pianista come Luca Flores, straordinario talento nonchè compositore di una sensibilità fuori dal comune, ma anche quello di voler essere una vera e propria vetrina per tutti i giovani artisti di talento che hanno voglia di dimostrare quanto valgono.

www.concorsoflores.it

Ufficio Stampa Concorso Flores 2009
Associazione Vacanze Musicali, via Bolognese 63 – 50139 Firenze – Fi tel: 3474946997

Aggiornamenti dall’Osservatorio Ospedale Paradiso di Gioia del Colle

17 luglio 2010 Autore: Francesco Giannini  
Categorie: Associazioni, Comunicati, La Comunità, Salute

Pur in periodo di sacrosante ferie, il Comitato promotore dell'Osservatorio dell'Ospedale Paradiso sta portando avanti la " battaglia " per salvare il nostro nosocomio, non per motivi campanilistici, ma a seguito di lettura di oggettivi dati e successiva analisi dei risultati di gestione dei tre presidi ospedalieri di cui Gioia è parte integrante. Tali dati confermerebbero in complesso il raggiungimento degli obiettivi preventivati per lo Stabilimento ospedaliero di Gioia, a differenza di quello di Putignano, che rispetto al nostro nosocomio è dotato di maggiori attrezzature e di un rapporto medici/paziente più favorevole. L'Osservatorio ha provveduto a inviare al Direttore Generale della ASL di Bari, al Direttore Sanitario della ASL di Bari e al Sindaco di Gioia del Colle sia copia della Relazione della Visita eseguita dalla III Commissione consiliare congiuntamente a rappresentanti dell'Osservatorio, sia una richiesta di accesso agli atti amministrativi, sia una richiesta di chiarimenti relativi a utilizzo di fondi provenienti da alienazioni di beni donati da cittadini gioiesi all'Ospedale Paradiso. Tali documenti si possono visionare sul sito dell'Osservatorio: www.osservatorioospedaleparadiso.org.

Invito tutti i simpatizzanti dell’Osservatorio a consultare il sito e a far pervenire il proprio punto di vista sulla questione Ospedale e su ulteriori interventi non solo dell’Osservatorio, ma di tutta la città, atteso che ogni giorno, anzi ogni ora, la situazione della Sanità pugliese è in continua evoluzione.
Vorrei ricordare che alla voce riportata dalla Gazzetta del Mezzogiorno riguardante la chiusura dell’Ospedale di Santeramo, la popolazione locale sta dando avvio ad una serie di iniziative forti, per scongiurare tale ipotesi.
Intanto comunico che il Consiglio Comunale di Gioia, convocato per giovedì 15 luglio per la trattazione del punto riguardante l’approvazione di un ordine del giorno sullo stato dell’Ospedale Paradiso, ha rinviato la trattazione del punto a lunedì 19 luglio alle ore 16,30.
UNITI SI PUO’.

« Pagina precedentePagina successiva »