Il centenario del completamento della Chiesa di Santa Lucia

Agiografia

Gli Atti del martirio di Santa Lucia (Siracusa 283-304), il cosiddetto Codice Papadopulo, narrano di una giovane, orfana di padre, appartenente ad una ricca famiglia di Siracusa, che era stata promessa in sposa ad un pagano. La madre di Lucia, Eutichia, da anni ammalata, aveva speso ingenti somme per curarsi, ma nulla le era giovato. Fu così che Lucia ed Eutichia, unendosi ad un pellegrinaggio di siracusani al sepolcro di Agata nel dies natalis della vergine e martire catanese, pregarono S. Agata affinché intercedesse per la guarigione della donna. Durante la preghiera Lucia si assopì e vide in sogno S. Agata in gloria che le diceva: Lucia, perché chiedi a me ciò che puoi ottenere tu per tua madre? Nella visione S. Agata le preannunciava anche il suo patronato sulla città di Siracusa. Ritornata a Siracusa e constatata la guarigione di Eutichia, Lucia comunicò alla madre la sua ferma decisione di consacrarsi a Cristo. Il pretendente, insospettito e preoccupato nel vedere la desiderata sposa vendere tutto il suo patrimonio per distribuirlo ai poveri, verificato il rifiuto di Lucia, la denunciò come cristiana.

In quel tempo erano in vigore i decreti di persecuzione dei cristiani emanati dall'Imperatore Diocleziano. Il processo che Lucia sostenne dinanzi all'Arconte Pascasio attesta la fede ed anche la fierezza di questa giovane donna nel proclamarsi cristiana. Minacciata di essere esposta tra le prostitute, Lucia rispose: Il corpo si contamina solo se l'anima acconsente. Il proconsole allora ordina che la donna sia costretta con la forza, ma lei diventa così pesante, che decine di uomini non riescono a spostarla. Il dialogo serrato tra lei ed il magistrato vede addirittura quasi ribaltarsi le posizioni, tanto da vedere Lucia quasi mettere in difficoltà l'Arconte che, per piegarla all'abiura, la sottopone a tormenti.

Continua la Lettura

L’UTE di Gioia nel centenario della fine della Prima Guerra Mondiale

13 novembre 2018 Autore:  
Categorie: Associazioni, Comunicati, Storia

Quest'anno ricorre il primo centenario della fine del Primo conflitto mondiale. Da molte parti si susseguono manifesrtazioni in ricordo dei tragici avvenimenti che hann sconvolto l'Itlia e l'Europa tutta, causando immani distruzioni e milioni di morti, feriti, dispersi.

Giovedì 15 novembre 2018 alle ore 17,30 l'UTE di Gioia del Colle, nella ricorrenza del centenario della conclusione della Prima Guerra Mondiale, organizza una commemorazione dell'evento dal titolo '1918-2018 Centenario della fine della ' Grande Guerra'.

La manifestazione si terrà nel Chiostro del Comune di Gioia del Colle. Interverranno: il prof. Sergio D'Onghia, che parlerà di Gioia del Colle nella 'Grande Guerra': indagine documentaria'  e il prof. Giacomo Leronni  con Il mondo che incontra la notte. Epifanie poetiche in trincea.

Gli interventi dei due professori, entrambi docenti dell'Università della Terza Età e del Tempo Libero di Gioia del Colle, saranno intervallati da Intermezzi del Coro della stessa Università, diretto dal M° Francesco Lorusso.

Saranno eseguiti i seguenti brani: La Tradotta, La Rivista dell'Armamento, Sul ponte di Bassano, Ta Pum!, Stelutis Alpinis, Il Canto degli Italiani.

La cittadinanza è invitata a partecipare.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.