1966-2016: I 50 anni del 36° Stormo

Gioia  è sede del 36° Stormo Caccia dell'A.M. L'aeroporto è intitolato al Capitano pilota Antonio Ramirez, caduto nel cielo di Capua il  28 aprile 1930. Lo Stormo viene costituito il 1° febbraio 1938 a Bologna ed opera durante la Seconda Guerra Mondiale nei cieli di Albania e Tunisia con azioni di bombardamento e ricognizione, ma […]

Print Friendly

36° Stormo

Gioia  è sede del 36° Stormo Caccia dell'A.M. L'aeroporto è intitolato al Capitano pilota Antonio Ramirez, caduto nel cielo di Capua il  28 aprile 1930.

Lo Stormo viene costituito il 1° febbraio 1938 a Bologna ed opera durante la Seconda Guerra Mondiale nei cieli di Albania e Tunisia con azioni di bombardamento e ricognizione, ma soprattutto nei cieli del Mediterraneo con azioni di bombardamento e di siluramento.

In tali occasioni, oltre ad infliggere rilevanti perdite al nemico, cadono in missioni di guerra anche due Comandanti dello Stormo: il colonnello pilota Farina Giovanni e il colonnello pilota Seidl Helmuth, entrambi decorati con medaglia d’oro alla memoria. A quest’ultimo Comandante, morto il 27 settembre 1941 nel cielo del Mediterraneo Centrale acque dell’Isola de la Galitè, è stato intitolato il 36° Stormo, mentre l’aeroporto militare di Gioia  è intitolato al capitano pilota Antonio Ramirez, morto in un incidente aereo il 28 aprile 1930.

Per la sua partecipazione alle zioni di guerra la bandiera del 36° Stormo è ancora oggi la più decorata tra quelle dell’Aeronautica Militare Italiana.

Al termine  del secondo conflitto mondiale il 36° Stormo, precisamente dal 1948, opera nell’aeroporto di  Guidonia e prende la denominazione di 36° Stormo Trasporti. Nel 1953 viene trasferito nell’aeroporto di  Latina. Nel 1955 viene sciolto e e posto in posizione quadro.

36^ AerobrigataA seguito dell’acuirsi della Guerra fredda nel 1960  la Base aerea di Gioia del Colle viene riaperta e potenziata e fino al 1963 diviene sede di un prestigioso Reparto: la 36° Aerobrigata Missili  I. S. ( Interdizione Strategica ), dotata di missili Jupiter a testata nucleare.

Dal 1963 al 1966 l’aeroporto è stato sede del Comando di Base aerea. Il 24 settembre 1963 giungono a Gioia i  velivoli del 12° Gruppo Caccia Inteccettori Ogni Tempo (C.O.T.) provenienti dalla 4^ Aerobrigarìta ‘ Baracca ‘, che, insieme al 156° Gruppo Caccia Bombardieri (C.B.O.C.) ‘Linci’ della 6^ Aerobrigata, danno vita il 1° giugno 1966 al 36° Stormo Caccia, il cui medagliere si fregia di ben otto medaglie d’oro e la cui Bandiera di guerra è la più decorata dell’Aeronautica Militare Italiana.

Il 14 ottobre 1966 il Ministro della Difesa, on. Tremelloni, consegna allo Stormo la bandiera di guerra.

Quest’anno ricorre il 50° anniversario della presenza del 36° Stormo a Gioia del Colle.

Vedi anche:  Francesco Giannini Il Campo d'aviazione di Gioia del Colle – L'impresa di Cattaro www.gioiadelcolle.info, .

©  E’ consentito l’utilizzo del contenuto di questo articolo per soli fini non commerciali, citando la fonte e il nome dell’autore.

Print Friendly

25 luglio 2016

  • Scuola di Politica

Inserisci qui il tuo Commento

Fai conoscere alla comunità la tua opinione per il post appena letto...

Per inserire un nuovo commento devi effettuare il Connettiti

- Attenzione : Per inserire commenti devi necessariamente essere registrato, se non lo sei la procedura di LOGIN ti consente di poter effettuare la registrazione istantanea.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.